Botteghe di mestiere e dell’innovazione, oltre 500 in Campania hanno aderito al bando di Italia Lavoro

500 imprese disponibili ad ospitare circa 900 tirocini in più di 120 progetti di bottega

bottega-artigianaGrande successo, oltre ogni previsione, del bando Botteghe di Italia Lavoro. L’adesione delle oltre 500 imprese al bando di Italia Lavoro dimostra la validità di questa azione di politica del lavoro volta a sostenere le imprese nella ricerca e formazione di manodopera specializzata per le proprie produzioni e sottolinea quale effetto moltiplicatore possano avere le botteghe di mestiere sul fronte occupazionale.

Il progetto Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione, in questa prima fase, aperto solo alle aziende e ai soggetti promotori di tirocini ha raccolto adesioni da parte di oltre 500 imprese disponibili ad ospitare circa 900 tirocini in più di 120 progetti di bottega. Per i giovani tirocinanti è prevista una borsa mensile di 500 euro; per le aziende ospitanti e per i soggetti promotori rispettivamente contributi pari a 250 euro mensili e 500 euro per l’intero percorso.

“Siamo pienamente soddisfatti per questi risultati” ha dichiarato l’assessore alle Attività Produttive Enrico Panini. “Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione è una politica efficace, favorisce la formazione di nuovi lavoratori/trici ad alto livello di qualifica e consente loro di intraprendere un percorso all’interno delle stesse imprese. L’iniziativa funziona e lo dimostrano gli oltre 650 giovani che, in occasione della prima edizione conclusa nel 2014, sono stati assunti alla fine del tirocinio. E’ un ulteriore manovra” – conclude l’assessore – “per favorire il percorso di inserimento nel mondo del lavoro di cui l’Italia, e in particolare Napoli, hanno profondamente bisogno per contrastare la disoccupazione giovanile e il fenomeno dei Neet”.

Lascia un commento