Per “Napoli4familes” visita al vulcano degli Astroni

Econote propone una visita a un nuovo vulcano quello “Astroni”,  il più giovane cratere dei campi Flegrei e l’unico rimasto quasi intatto nella morfologia. Con un’estensione di 247 ettari è oggi Riserva Naturale del WWF

bosco AstroniIl Vulcano Astroni viene anche chiamato “montagna capovolta” per la sua particolare morfologia naturale dove la macchia mediterranea è presente sulle pendici, mentre scendendo ci si inoltra in una lecceta e sul fondo prospera un bosco di querce, roveri, olmi, pioppi e ornielli. Tutto ciò innesca un fenomeno chiamato inversione vegetazionale, che mantiene un alto tasso di umidità all’interno del cratere dovuto anche alla presenza di tre laghi sul fondo. Tra gli abitanti del vulcano si annovera la volpe, ma sono presenti anche la faina e la donnola, ma molto nutrita è anche la schiera dei roditori loro prede abituali e molte sono anche le specie di uccelli presenti. Non mancano inoltre rettili e anfibi.

Cenni Storici: la storia degli Astroni comincia con quella dei suoi bagni termali (scomparsi dopo la sistemazione del Bosco voluto da Carlo di Borbone) poi trasformato in riserva di caccia, in particolare di cinghiali, da Alfonzo da Aragona e mantenuto tale dopo svariate vicende fino all’Unità d’Italia. Durante l’ultima guerra, il cratere è stato utilizzato come deposito di armi prima dai tedeschi e poi dalle forze alleate.

Già dal 1969 il WWF riuscì a ottenere dall’allora Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste che gli Astroni divenissero un’oasi di protezione e rifugio per la fauna stanziale e migratoria e così nel 1987 fu dichiarata Riserva Naturale dello Stato e affidata alla amministrazione e gestione del WWF e della Regione Campania il 25 aprile del 1992.

Informazioni riguardanti la visita:

QUANDO: Sabato 9 Aprile, ore:10.00;

DOVE : Via Agnano Astroni 468, entrata oasi.

COME RAGGIUNGERE gli Astroni:

In auto: A56 in direzione di Via Agnano Agli Astroni verso l’Ippodromo di Agnano
In autobus direttamente all’Oasi Astroni: Linea ANM C14 dalla stazione della ferrovia (Circumflegrea)
PERCORSO ED EQUIPAGGIAMENTO: la visita guidata presso la Riserva Naturale Cratere degli Astroni si svolgerà  l’antico sentiero borbonico,un sentiero in terra battuta con circa 160 scalini, che scende sul fondo del cratere, con un dislivello di 80 metri. La durata del percorso è di circa 2 ore e 1/2 con soste. Lo stesso sentiero viene percorso per uscire dalla Riserva.

E’ obbligatorio indossare scarpe chiuse, adatte ad un’escursione o da ginnastica ed indumenti idonei (pantaloni lunghi, camicia a manica lunga di cotone per le zanzare o nel caso è consigliabile vestirsi a strati e non utilizzare colori vivaci).
All’interno della Riserva non sono presenti punti di ristoro, è possibile consumare un pranzo al sacco fruendo di una delle due aree di sosta esistenti,  di cui una dotata di tavoli e panchine. E sempre consigliabile portarsi stuoie o teli, qualora i tavoli siano occupati.

NB: I servizi igienici sono localizzati all’ingresso della Riserva. Non ci sono Bar nelle vicinanze, ma una fontanella con acqua potabile.  Non è consentito portare animali domestici, biciclette o palloni.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:  biglietto ingresso, guida e contributo organizzativo

12 euro: adulti
10 euro: bambini da 6 a 14 anni e persone sopra 65 anni
I bambini al di sotto dei 6 anni entrano gratuitamente.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA  o via mail a info@econote.it o al numero 3474504251  anche con sms, evento attivato con un minimo di 10 partecipanti.

Lascia un commento