Camorra: arrestato il boss Manganiello del clan Marino mentre guardava Inter-Napoli

I poliziotti si sono finti pony express per la consegna di una pizza a domicilio ordinata dal boss mentre guardava la partita

pattuglieNapoli, 17 aprile – Il latitante Roberto Manganiello, 35 anni, leader del clan camorristico scissionista Marino attivo nell’area nord di Napoli, è stato arrestato ieri sera mentre stava guardando l’incontro di calcio Inter-Napoli. Per entrare nell’appartamento di Orta di Atella (Ce), i poliziotti si sono finti pony express per la consegna di pizze a domicilio.

L’operazione è stata condotta dagli investigatori della Polizia di Stato di Napoli e dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato di Orta di Atella, con la collaborazione della squadra mobile di Caserta. Le indagini sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.

“Questa è la squadra Stato che non conosce tregua contro il crimine” ha dichiarato il ministro dell’Interno Angelino Alfano. “Un ottimo lavoro, un successo investigativo di alto livello” ha commentato.

“L’arresto di Roberto Manganiello – ha dichiarato il capo della Polizia Alessandro Pansa esprimendo il suo apprezzamento per l’operazione – dimostra ancora una volta come la cattura dei latitanti rappresenta uno dei pilastri della lotta al crimine organizzato”.

Manganiello era latitante dal 2013. Inserito nell’elenco dei 100 latitanti di massima pericolosità e nello speciale programma di ricerche del ministero dell’Interno, è ritenuto responsabile dei reati di concorso in duplice omicidio e porto e detenzione illegale di armi, reati aggravati dalle modalità mafiose. In particolare, era ricercato per il concorso nell’omicidio di Fulvio Montanino e Claudio Salierno, fedelissimi del potente clan camorristico Di Lauro. Tali delitti segnarono l’inizio di una delle più cruente faide di camorra.

Lascia un commento