“La Carmen napoletana” conversazione accademica con Enzo Moscato, Mario Martone, Iaia Forte e Roberto De Francesco

Mercoledì 20 aprile 2016 Chiesa dei Santi Marcellino e Festo ore 16. Si annuncia il nuovo corso di laurea magistrale della Federico II

mario_martoneSulle note di una ‘Carmen napoletana’, esempio e sintesi della grandezza e della versatilità degli artisti parteneopei, saranno Enzo Moscato e Mario Martone, insieme ad Arturo De Vivo, Prorettore dell’Università Federico II, ad annunciare il nuovo corso di laurea magistrale in ‘Discipline della Musica e dello Spettacolo. Storia e Teoria’ dell’Ateneo federiciano che partirà dal prossimo anno accademico. L’occasione sarà proprio la conversazione sulla ‘Carmen’ di Moscato adattata da Martone che si terrà mercoledì 20 aprile alle 16 nella suggestiva cornice della Chiesa dei Santi Marcellino e Festo, in  largo San Marcellino, 10, a Napoli.

Carmen, la zingara spagnola che conduce don José al suo destino di assassino, destinandosi a sua volta alla morte, vive a Napoli. Così è almeno secondo Enzo Moscato, che col suo forte testo drammaturgico ha trasferito nella capitale partenopea la storia francese di Mérimée messa in musica da Bizet. Animato dalla regia di Mario Martone e dalle musiche dell’Orchestra di Piazza Vittorio diretta da Mario Tronco, il capolavoro ottocentesco viene riletto in profondità, rivelando la sua potenza di rivelatore dei contrasti sanguigni che emergono attraverso le ferite della memoria.

Un grande spettacolo napoletano, che, prodotto tra Roma e Torino è in questi giorni al Teatro Bellini di Napoli. Per questo motivo, in vista della prossima apertura del corso di laurea in Discipline della Musica e dello Spettacolo, l’Università Federico II apre le porte all’arte drammatica per un incontro in cui verranno mostrati i diversi e ricchissimi aspetti di un’opera firmata Moscato/Martone. Insieme allo sceneggiatore, al regista e ai protagonisti Iaia Forte e Roberto De Francesco, introdotti da Arturo De Vivo, ne parlano il francesista Giuseppe Merlino, profondo conoscitore della cultura francese tra Otto e Novecento, e Matteo Palumbo, attento esperto del teatro napoletano dei nostri anni.

La Carmen di Martone/Moscato/Tronco è una Carmen mediterranea. L’incrocio di umori e musiche della tradizione gitana a cui hanno attinto Mérimée e Bizet trasmigra dalla Spagna dell’Ottocento a un altro luogo fatale di incrocio tra culture diverse, oggi più che mai: Napoli. La forma dello spettacolo attinge infatti alla sceneggiata come alla zarzuela, in segreto omaggio al grande autore partenopeo di teatro popolare con musiche, Raffaele Viviani, di cui Mario Martone realizzò una memorabile messa in scena de I dieci comandamenti.

Mario Martone, Enzo Moscato e Mario Tronco hanno realizzato una inedita Carmen, con Iaia Forte nel ruolo della protagonista, in uno spettacolo che approda a temi contemporanei in una sintesi di tradizioni e culture antiche e nuove. Carmen è al Teatro Bellini dal 12 al 24 aprile 2016.

L’istituzione del nuovo corso di laurea magistrale risponde all’esigenza di offrire agli studenti iscritti alla Federico II la possibilità di realizzare in maniera coerente e soddisfacente un intero ciclo di studi nel campo della musica, dello spettacolo e del cinema per arricchire con un corso dedicato alle discipline dello Spettacolo  l’offerta formativa del grande Ateneo generalista partenopeo.

Lascia un commento