Rosy Bindi alla cerimonia in ricordo dell’imprenditore Noviello: “partiti rifiutino voti criminalità organizzata”

Lo ha dichiarato la presidente della commissione parlamentare Antimafia a Castel Volturno, in occasione della cerimonia organizzata per l’ottavo anniversario dell’omicidio dell’imprenditore Noviello, ucciso nel 2008 dai Casalesi

Rosy.BindiCastel Volturno, 16 maggio – “Accettare i voti della camorra e della mafie vuol dire condizionare l’azione della politica e delle pubbliche amministrazioni, quindi i partiti dovrebbero dire con forza che i voti delle mafie non li vogliono, e rifiutare ogni tipo di contaminazione. Non credo ci siano altre strade”. Lo ha dichiarato la presidente della commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, ai giornalisti che le hanno chiesto cosa ne pensa delle recenti inchieste della Dda di Napoli, che hanno coinvolto l’ex presidente del Pd campano nonché consigliere regionale, Stefano Graziano (vai all’articolo), e l’ex sindaco di Marcianise Filippo Fecondo (vai all’articolo), entrambi indagati per concorso esterno in associazione mafiosa.

La Bindi ha preso parte alla cerimonia organizzata a Castel Volturno per l’ottavo anniversario dell’omicidio dell’imprenditore Domenico Noviello, ucciso il 16 maggio 2008 dai Casalesi per aver denunciato e fatto condannare gli estorsori del Clan.

Lascia un commento

15 − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.