Il Teatro cerca Casa prosegue il suo tour domestico a Bagnoli

In scena, Flo, cantautrice napoletana accompagnata alla chitarra da Ernesto Nobili

FloSi comincia venerdì 20 maggio, alle 20.30, a Bagnoli, con Flo, cantautrice napoletana premiata a Musicultura e al premio Parodi e D’Aponte per il disco d’esordio D’Amore e di altre cose irreversibili e che, dopo la presentazione del suo secondo lavoro, il 13 aprile all’Atlantic Music Expo di Capo Verde, con la band al completo, presenta per il Teatro cerca Casa, in versione House concert, Aspettando… Il mese del Rosario, accompagnata alla chitarra da Ernesto Nobili.
Domenica 22 maggio, sarà invece la volta di un nuovo nuovo debutto per il Teatro cerca Casa, con Lei, Kurt Weill. La donna nelle musiche di Weill, che vede in scena Patrizia Spinosi, accompagnata al piano dal maestro Antonio Ottaviano, per la regia di Mariano Baduin.

A due anni di distanza dal suo ultimo lavoro e dal successo di critica e pubblico registrato e dopo un tour di tappe italiane ed europee, il 13 maggio è uscito anche in Italia Il mese del Rosario (Agualoca Records/Audioglobe), secondo disco dell’artista napoletana, che lo ha presentato in un’anteprima preziosa per Il teatro cerca Casa e che torna il 20 maggio in un appartamento di Bagnoli, con arrangiamenti in chiave acustica, curati da Ernesto Nobili, coautore e produttore artistico del lavoro musicale. Il musicista accompagnerà Flo alla chitarra per un viaggio “tra le lingue e i ritmi del mondo latino, tra atmosfere che richiamano al Fado, al noveau tango, alla canzone d’autore, alla Morna capoverdiana, in un virtuosismo mai fine a se stesso”.

Il viaggio musicale del Teatro cerca Casa prosegue nel vasto e variegato panorama della prima metà del Novecento, in cui Kurt Weill occupa un posto del tutto particolare. Questa sua particolarità risiede nella capacità di assorbire le diverse correnti tematiche e stilistiche del tempo, senza peraltro consegnarsi a nessuna di esse. Weill elabora una cifra tutta sua, una cifra inconfondibile, che ci permette di considerarlo quale indiscusso Maestro dell’Espressionismo. I personaggi femminili cantanti da Kurt Weill hanno in comune il profondo riscatto e il desiderio rivoluzionario: usare la lotta per ribaltare il divario sociale, per abbattere le differenze di classe ciò che identifica il loro agire. Seppure seducenti le donne weilliane cantano con il coltello nascosto in una mano e la pistola dentro la giarrettiera.

Per assistere agli spettacoli organizzati da Livia Coletta e Ileana Bonadies, è necessaria la prenotazione, attraverso il sito ilteatrocercacasa.it, oppure chiamando al 3343347090 – 081 578 24 60. A chi prenota viene fornito l’indirizzo del padrone di casa che ospita lo spettacolo.

Lascia un commento