Comunali 2016, Verdini (Ala) a sostegno di Valente (Pd) parla del caso Cosentino: “mille giorni di carcere non seri”

Il leader di Ala, dal palco della manifestazione a sostegno della candidata del centrosinistra Valente, difende l’ex parlamentare del Pdl e di Forza Italia, attualmente giudicato in tre distinti processi per concorso esterno in associazione camorristica, estorsione, illecita concorrenza con l’aggravante mafiosa e corruzione

Valente.VerdiniNapoli, 21 maggio – “Mille giorni di carcerazione preventiva per Cosentino non sono una cosa seria”. Lo ha affermato stamane il senatore di Ala, Denis Verdini, alla manifestazione in sostegno della candidata di centrosinistra, Valeria Valente, alla Stazione Marittima di Napoli; riferendosi alla detenzione di Nicola Cosentino, ex parlamentare del Pdl e di Forza Italia, attualmente giudicato in tre distinti processi per concorso esterno in associazione camorristica, estorsione, illecita concorrenza con l’aggravante mafiosa e corruzione.

A margine della manifestazione, i cronisti hanno anche chiesto a Verdini di commentare la notizia data dal quotidiano La Repubblica, circa la presenza nella lista di Ala per le Elezioni Comunali di Napoli, di due parenti di Vincenzo Calone, pluripregiudicato ritenuto vicino alla camorra. “Le persone rispondono per quello che hanno fatto loro, non per quello che hanno fatto gli altri. Per me – ha aggiunto – la lista è pulita, non cambio idea”. Poi, sempre a margine dello stesso incontro, pungolato dai cronisti sulle dichiarazioni di Rosaria Capacchione, senatrice Pd sotto scorta perché minacciata dalla camorra, che ha parlato di collusioni con la mafia, Verdini ha risposto: “collusa sarà la mamma della Capacchione”.

Vitale Calone, figlio del pluripregiudicato, ha affermato: “Mi dissocio dal passato della mia famiglia. A Napoli ci sono quattro milioni di camorristi e se risaliamo ai nonni e a tutti parenti, saremmo quindi tutti camorristi. Se andiamo a vedere, in ogni famiglia napoletana c’è qualcuno che ha pagato per reati di camorra”.

“Mi risulta che i candidati al Consiglio comunale siano tutti incensurati. Ora bisogna verificare i rapporti tra questa persona, che è un ragazzo incensurato e perbene, per vedere se ha relazioni o rapporti con la criminalità”. Lo ha detto la Valente, intervenendo sulla questione e spiegando che sui rapporti con la camorra “serve massima inflessibilità. Chiederemo – ha aggiunto – ad Ala di fare le dovute verifiche, se ci sono ragioni di opportunità prenderemo provvedimenti”.

FOTO: tratta da repubblica.it

One thought on “Comunali 2016, Verdini (Ala) a sostegno di Valente (Pd) parla del caso Cosentino: “mille giorni di carcere non seri”

  1. Questa è l’ennesima dimostrazione dello schifo in cui è sprofondata la politica italiana!!! Poi si lamentano se la gente non va più a votare!!!!

Lascia un commento