Arena Flegrea per i giovani: speciale convenzione con l’Università Federico II

Ricco cartellone estivo dal prossimo 28 giugno, per la prima volta a Napoli star del panorama internazionale

Arena FlegreaNapoli, 18 giugno – Sta per debuttare la stagione concertistica dell’Arena Flegrea, con un programma Estate 2016 di grande impatto, dedicato soprattutto ai giovani, e agli appassionati di musica di ogni età. Motivi determinanti per la convenzione stipulata tra Arena Flegrea e Università Federico II, che offre l’opportunità di acquisto dei biglietti con una scontistica particolare, pari al 10% (per gli acquisti effettuati fino al 25/08/2016) riservata ai docenti, agli studenti degli atenei di Napoli e al personale amministrativo, direttamente presso desk allestiti nei locali dell’Università, per la vendita in loco, oppure attraverso un codice dedicato, sul sito di biglietteria on line ETES.IT (Info 081.5628040, www.arenaflegrea.com, www.etes.it). Inoltre, molte saranno le iniziative che prenderanno il via con questa collaborazione, come incontri con gli artisti in sede universitaria, per conoscere da vicino le storie e i percorsi di successo o approfondimenti dietro le quinte in Arena, oltre che in particolari casi, concerti con la speciale formula di acquisto di due ingressi al prezzo di uno.

L’Arena Flegrea intende cosi, privilegiare i giovani universitari dando loro l’opportunità di vivere, un pezzo di storia della musica e dell’architettura napoletana, che riapre le porte alla città in maniera stabile, dando forma ad un progetto organico e strutturato grazie al quale si pone quale riferimento  nell’ambito dell’articolato tessuto culturale urbano. Ristrutturata e rilanciata per volontà del gruppo Floro Flores, che ne ha assunto la gestione dal 2015 e che la manterrà per i prossimi dodici anni, l’Arena Flegrea si accinge ad inaugurare un ricco cartellone estivo dal prossimo 28 giugno, portando per la prima volta a Napoli star del panorama internazionale, proponendo progetti inediti o sinergie tra artisti fino ad oggi mai realizzate. Il tutto, mettendo a frutto le potenzialità del nuovissimo palcoscenico coperto, moderno e funzionale, fiore all’occhiello della rinnovata struttura flegrea.

La locandina che presenta solo concerti in esclusiva per l’Italia meridionale, si aprirà il 28 giugno, ospitando un evento del Napoli Teatro Festival: “Love stories” di Katia & Marielle Labèque, ideato ispirandosi liberamente al mito d’amore di Romeo e Giulietta. Tre giorni dopo il 1° luglio il concerto di Sergio Cammariere, Gino Paoli e Danilo Rea. Jack Savoretti si esibirà il 5 luglio con il suo nuovo progetto discografico “Written in Scars”. L’11 luglio sarà la volta di Diana Krall, forse la più prestigiosa voce femminile del jazz internazionale, finalmente a Napoli. Il 16 luglio Chick Corea, che con un breve tour europeo celebra, quest’anno, i suoi 75 anni, sarà a Napoli con una band di partner illustri: Christian McBride, Marcus Gilmore, Kenny Garrett e Wallace Roney. Il 19 luglio Stefano Bollani presenterà “Napoli Trip”, con Jim Black e Daniele Sepe. Robert Plant, fondatore e anima dei Led Zeppelin, sarà in concerto all’Arena Flegrea il 22 luglio. Cinque giorni più tardi il 27 luglio, si esibirà una band cara al pubblico napoletano: i Massive Attack.

Rufus Wainwright: il cantante e pianista newyorkese, debutterà a Napoli il 28 luglio e avrà al proprio fianco, come special guest, Emma Marrone. Due progetti raffinati ad agosto “Eros” il 1°, nuovo cd che vede insieme, Paolo Fresu e Omar Sosa con  Jaques Morelenbaum, violoncellista prestigioso. Ed il 5 agosto un progetto tutto dedicato a Fabrizio De Andrè: “Amore che vieni, amore che vai” con un gruppo collaudato di jazzisti italiani: Cristina Donà, Fabrizio Bosso, Rita Marcotulli, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Saverio Lanza e Cristiano Calcagnile. Dopo la pausa di piena estate, una proposta originale sviluppata in un’ottica di contaminazione del grande repertorio classico: “Recomposed by Max Richter”, progetto ideato, muovendosi tra elettronica e barocco, dal celebre musicista tedesco sulle “Quattro stagioni” di Vivaldi con la preziosa presenza di Daniel Hope, solista con l’Arte del Mondo Orchestra.

Lascia un commento

due × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.