Ospedale Annunziata, De Luca: sciacallaggio la protesta contro chiusura del reparto pediatria

Trasferiti i primi neonati e ricoveri bloccati. “A parte i proclami a mezzo stampa, non c’è garanzia del diritto all’assistenza pediatrica”. Lo ha dichiarato Valeria Ciarambino, consigliera del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Trasparenza, parlando della mancata presenza dei convocati alla riunione che serviva a fare chiarezza sul futuro dell’ospedale pediatrico Annunziata

Ospedale.AnnunziataNapoli, 30 giugno – Nonostante il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca abbia affermato che “il centro storico della città di Napoli non può essere privato di un reparto pediatria” (vai all’articolo) e nonostante le proteste di medici, infermieri e cittadini, prosegue la chiusura dell’Ospedale Annunziata. In queste ore, per effetto della decisione del commissario alla sanità Campana, Joseph Polimeni, di riconvertire l’Annunziata a funzione di consultorio, sono stati bloccati i ricoveri e trasferiti i primi neonati.

Malgrado la decisione di chiudere l’Annunziata non sia in capo direttamente al presidente De Luca, quest’ultimo ieri ha accusato di “sciacallaggio politico” le persone e le organizzazioni che erano in piazza per protestare contro la chiusura del presidio pediatrico. Nelle stesse ore andava deserta anche la riunione in Regione della Commissione Trasparenza, convocata per chiarimenti sul futuro dell’ospedale pediatrico Annunziata e per sapere in che modo si intende risolvere il problema dell’assenza di strutture adeguate a curare i bambini nel centro della città. “Una strana congiuntura astrale – denuncia Valeria Ciarambino, consigliera del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Trasparenza – ha voluto che né il Commissario governativo, né il Commissario dell’Asl Napoli 1, né il direttore generale Santobono-Pausilipon, né il Commissario della Sun, si siano presentati, motivando la loro assenza o con motivi di salute o con impegni istituzionali concomitanti”.

“Denunciamo – prosegue la Ciarambino – l’irresponsabilità di un tale comportamento nei riguardi anzitutto dei cittadini che aspettano risposte e la grave mancanza di rispetto istituzionale verso la Commissione che è chiamata ad esercitare un’azione di controllo, al quale evidentemente oggi tutti i convocati hanno scelto di sottrarsi. In questi giorni confusi abbiamo assistito solo a infondati proclami a mezzo stampa di De Luca e Polimeni, dove si dice a chiacchiere che verrà garantita l’assistenza pediatrica, ma ad oggi la stanno smantellando”. La settimana scorsa il M5S ha presentato un’interrogazione parlamentare sul tema e oggi con un intervento in aula la deputata Vega Colonnese ha sollecitato un intervento del governo per fermare lo smantellamento dell’ospedale.

FOTO: tratta da repubblica.it

Lascia un commento