Abuso edilizio e falso in atto pubblico, indagato l’assessore Borriello, che si dice “sereno e fiducioso”

L’indagine riguarda l’attività di geometra e non quella di assessore comunale allo Sport e al Decoro Urbano del Comune di Napoli. Indagati anche 8 tecnici del servizio comunale di edilizia privata

Ciro.BorrielloNapoli, 5 luglio – L’assessore allo Sport e al Decoro Urbano del Comune di Napoli, Ciro Borriello, risulta indagato per abuso edilizio insieme a 8 tecnici del servizio comunale di edilizia privata. Gli inquirenti indagano su alcune opere realizzate sul lastrico di un palazzo in via Bisignano, nel quartiere Chiaia. La vicenda non riguarda l’attività da assessore di Borriello, ma quella privata di geometra.

Nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano Il Mattino, Borriello si è detto tranquillo e fiducioso nell’operato della magistratura: “Sono sereno e fiducioso. Ad un tecnico queste cose possono capitare. Tutto sarà chiarito. La vicenda è diventata più grande del normale, solo perché nel frattempo ha assunto un ruolo politico. Si tratta di una vicenda di carattere privato, che si basa su particolari tecnici ed è assurdo che possa diventare un caso cittadino. Parliamo di beghe fra vicini che continuano a denunciarsi a vicenda”.

“Abbiamo scoperto – spiega Borriello – che c’era una difformità in in una licenza del 1961 e siamo stati noi stessi a segnalarla. Il proprietario ha pagato una sanzione pesantissima e ha anche ripristinato i luoghi. Credo che questo esempio possa bastare per testimoniare la volontà di assoluta correttezza e trasparenza del nostro operato e, ovviamente, anche di tutti i tecnici comunali coinvolti in questa incredibile vicenda”.

Lascia un commento