VIDEO – Liceo Gentileschi, il direttore amministrativo rincara la dose: “clima di tensione, stress e offese ricevute dal Dirigente scolastico”

Alla telecamera di NapoliTime parla il Dsga del Liceo Gentileschi, Mariarosaria Fava, 38 anni di carriera nella Scuola Pubblica, da 29 presso l’Istituto diretto dalla professoressa Iannone


Napoli – Dopo il sit-in di protesta, di lunedì 4 luglio, inscenato dai lavoratori del Liceo Gentileschi di Via Nuova Agnano (vai all’articolo), nel quartiere Fuotigrotta di Napoli, a contattarci è stato il Dsga, il direttore amministrativo dell’Istituto, Mariarosaria Fava. Il Dsga viene da un lungo periodo di malattia, ma come racconta alla nostre telecamere, ci tiene a dire la sua perchè, ci dice, “lo devo ai miei collaboratori”.

Fava ci descrive un Istituto in declino, con una perdita costante di attrattività e di studenti: tre classi in meno lo scorso anno, 100 alunni in meno per il prossimo. E’ alla testa di un pool di assistenti in fuga dall’Istituto “costretti a chiedere il trasferimento dal clima di tensione, dallo stress accumulato, dalle offese ricevute dal Dirigente scolastico“,  un clima di tensione che si respira da tre anni a questa parte, da quando il Dirigente scolastico, il preside, è la dottoressa Maddalena Iannone.

E le accuse del Direttore Fava sono precise e puntuali, “ho le prove” afferma. Fava vanta 38 anni di carriera di cui 29 spesi al Gentileschi. E’ agitata come le sue colleghe che abbiamo incontrato alla manifestazione fuori ai cancelli del liceo, particolarmente emozionata, provata da un lungo periodo di malattia. E’ quasi un botta e risposta a distanza quello tra Fava ed il Dirigente Iannone che parla attraverso le pagine di un quotidiano cittadino, affermando: “Purtroppo con il passaggio alla segreteria digitale il sistema è collassato. Ho cercato di riorganizzare l’ufficio, ma la riforma (la Buona Scuola, ndr), lo stress ed alcune incomprensionihanno provocato alcune difficoltà che le poche pecore nere hanno strumentalizzato”.

Secondo il Dirigente Iannone quindi sarebbero solo “poche pecore nere” a strumentalizzare fatti non dipendenti dalla sua volontà, e non tutto il personale Ata e tanti docenti a ribellarsi alla cappa di oppressione che sembrerebbe essere presente negli uffici amministrativi e nelle aule del Gentileschi. E per questo il Dsga non ci sta a lasciare soli i suoi collaboratori, e pone degli interrogativi che noi di NapoliTime porremo ora al Dirigente Iannone che per tramite della sua vicaria si è messa in contatto con la redazione. Ma ascoltiamo le parole del direttore Fava nella nostra videointervista.

Lascia un commento