Napoli, Sandro Fucito è il nuovo presidente del Consiglio comunale

L’ex assessore al Patrimonio si siede sullo scranno che nella scorsa legislatura era occupato da Raimondo Pasquino. La delega al Patrimonio viene affidata a Ciro Borriello, attuale assessore allo Sport. A Daniela Villani le deleghe a Pari opportunità, Periferie e Mare

Sandro FucitoNapoli, 18 luglio – È l’ex assessore al Patrimonio Sandro Fucito il nuovo presidente del Consiglio comunale di Napoli. Fucito è stato eletto alla terza votazione con 27 voti a favore. 7 le schede bianche e due le nulle. Per la vicepresidenza sono stati eletti Fulvio Frezza (maggioranza) e Salvatore Guanci (opposizione).

Il sindaco Luigi de Magistris, prima di passare alla presentazione del programma, ha annunciato che per quanto riguarda la composizione della Giunta, la delega al Patrimonio viene affidata a Ciro Borriello, attuale assessore allo Sport. A Daniela Villani le deleghe a Pari Opportunità, Periferie e Mare.

De Magistris, a margine della seduta, ha spiegato che gli assessori avranno “obiettivi a breve, medio e lungo termine”. Una prima valutazione dell’operato di ciascuno sarà fatta entro Natale e se gli obiettivi non saranno raggiunti “si cambia”.

Su quarantuno eletti erano presenti alla prima seduta del Consiglio comunale, tenutasi nella Sala dei Baroni al Maschio Angioino, 40 consiglieri. Unico assente Gianni Lettieri. 19 in totale i volti nuovi, 11 a sostegno della maggioranza e 8 tra i banchi delle opposizioni. Tra questi spiccano Valeria Valente (Partito Democratico), Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle), Mara Carfagna (Forza Italia).

All’esterno del Maschio Angioino, mentre iniziava il Consiglio comunale, un gruppo di rappresentanti di varie sigle sindacali e comitati cittadini ha protestato esponendo numerosi striscioni e bandiere lungo il viale che conduce all’ingresso del castello. I manifestanti hanno rivendicato il diritto al lavoro, all’abitare e maggiore attenzione verso le periferie.

Lascia un commento

cinque + 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.