FILMaP: Ylenia Azzurretti vince il festival internazionale A Corto di donne con una storia dal quartiere Sanità

Allieva degli Atelier di cinema del reale di FILMaP, vince il premio come Miglior Cortometraggio italiano

ylenia azzurrettiUna “piccola” grande vittoria in casa Arci Movie. Ylenia Azzurretti, allieva del primo biennio di FILMaP, vince il Premio speciale come miglior cortometraggio italiano nell’ambito della nona edizione del Festival internazionale di cortometraggi al femminile, A corto di donne che ha visto gareggiare, nelle 4 diverse categorie, ben 39 cortometraggi selezionati tra le oltre 700 opere iscritte da 70 paesi di tutto il mondo.

“Cristian Diorio” è il titolo del corto (realizzato nel 1° Atelier di cinema del reale di FILMaP) che ha regalato la vittoria alla napoletana, un piccolo film che racconta la storia di due anziane guantaie del quartiere Sanità.

Nel frattempo, giovedì 21 luglio, nella sede Arci Movie in via A. C. De Meis, si proietteranno i corti degli allievi del secondo biennio di FILMaP. L’occasione è giusta per incontrare i docenti di FILMaP, Rossetto, Oliviero e il direttore pedagogico Leonardo Di Costanzo e conoscere gli esiti di questa prima fase degli Atelier 2016. Il corso poi continuerà dopo l’estate con la fase di scrittura dei dossier dei progetti per i lungometraggi.

“Questo riconoscimento è la testimonianza di un lavoro coerente, piccolo ma significativo nel tempo. Un lavoro fatto sul territorio costruendo opportunità per i giovani, il loro lavoro insieme e cercando sempre di offrire uno sguardo diverso sulla realtà. Proprio adesso i nuovi allievi stanno completando 7 brevi documentari: è una cosa che ci entusiasma e ci rende orgogliosi. Dà senso a questo lavoro!” Antonella Di Nocera, coordinatrice FILMaP.

“Questa vittoria è inaspettata e gratificante. Credo sia stato premiato lo spirito del corto ma anche il lavoro che Arci Movie fa sul territorio da tanti anni e che attraverso FILMaP offre la possibilità ai giovani film-maker di esprimersi rispettando i meriti di ciascuno e la voglia di raccontare attraverso il cinema documentario”. Ylenia Azzurretti.

La motivazione ufficiale del festival: Attraverso un uso essenziale del linguaggio cinematografico, viene restituita l’anima di una città irriducibile a qualsiasi tentativo di modernizzazione forzata o globalizzazione, come direbbe oggi Pasolini. Il dialogo tra due anziane operaie di una fabbrica di guanti ubicata nell’antichissimo quartiere della Sanità, esprime una visione del mondo, uno spirito, un’ironia sulla vita che appartengono solo a Napoli e che la giovane regista dimostra di aver saputo catturare in modo leggero eppure malinconico e poetico.

Sinossi Cristian Diorio: Due anziane guantaie che portano avanti la tradizione manifatturiera di un quartiere che proprio su questa attività ha fondato la sua economia per secoli: il Quartiere Sanità; il cuore di Napoli. Non più di una chiacchierata con due meravigliose donne (Maria e Immacolata) che mentre lavorano raccontano vicende della loro storia personale, del loro lavoro e insieme qualcosa della stessa città. Un mondo distante e lontanissimo da quello che i guanti stessi raggiungeranno.

Per il secondo biennio di FILMaP 2016-17, Arci Movie promuove le attività in modo indipendente con il contributo della SIAE e un sostegno di Intesa San Paolo (fondo di beneficenza opere a carattere sociale e culturale), Fondazione CON IL SUD e SEDA.

Il progetto FILMaP è realizzato con l’adesione delle società di produzione di Indigo film, Teatri Uniti, Figli del Bronx e Parallelo 41 Produzioni, delle associazioni nazionali Doc/it- documentaristi italiani e UCCA – Unione dei Circoli Cinematografici Arci, della Mediateca Il Monello di Napoli e di numerosi istituti scolastici del territorio.

Lascia un commento