Traffico di uomini, a capo della banda un tunisino convertito alla Jihad

Predisponevano contratti di lavoro e buste paga fittizie dietro pagamento di somme di denaro per regolarizzare la presenza di mingranti nel nostro Paese

permesso soggiornoCaserta, 6 agosto – Sono stati arrestati in otto dai carabinieri del Ros coordinati dalla procura di Santa Maria Capua Vetere. La banda, sgominata ieri nell’operazione dei militari, era composta da stranieri dediti all’immigrazione clandestina. L’accusa mossa nei loro confronti è di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e alla falsificazione di documenti. 

Il presunto capo è indagato dalla procura antiterrorismo di Napoli per associazione con finalità di terrorismo internazionale. L’uomo è un tunisino convertitosi alla Jihad. La banda faceva predisporre da aziende tessili compiacenti, in cambio di denaro, contratti di lavoro e buste paga fasulle per legittimare la richiesta di permessi di soggiorno in Italia ad immigrati maghrebini.

Lascia un commento