Accademia Aeronautica: a Nisida per quattro giorni di alta formazione

Al via il Progetto di Formazione Integrata alla Leadership, Management e Competenze Aerospaziali

nisidaNapoli, 13 settembre – Dal 12 al 16 settembre 2016 una cellula di 50 frequentatori di corso, mezzi e personale dell’Accademia Aeronautica si schiererà presso il distaccamento aeronautico di Nisida per attuare la fase pratica prevista dal progetto di Formazione Integrata alla Leadership, Management e Competenze Aerospaziali (F.I.L.M.C.), giunto quest’anno alla terza edizione.

Nel corso del tempo, il modulo si è evoluto, secondo la filosofia tipica della Forza Armata, ovvero di operare, raccogliere e processare le Lessons Learned e migliorare il processo per le successive edizioni. Nello specifico questa edizione già sperimentata con successo a luglio vedrà un nuovo sforzo mirato per sperimentare nuove procedure, con uno scenario e un “role play” ancora più simile all’attività svolta nei Reparti dell’AM. In particolare con l’intenzione di mettere l’accento sul rispetto delle regole, l’importanza della pianificazione, della sinergia tra unità con compiti differenti e la capacità di adattarsi a scenari rapidamente in evoluzione.  

Come per le edizioni precedenti l’obiettivo del modulo sarà quello di operare come un Reparto di volo dell’Aeronautica Militare, formato da due Gruppi Vela (a similitudine di due Gruppi Volo) mettendo in atto le predisposizioni propedeutiche ad un rischieramento in una base lontana dalla propria, con la conseguente gestione di assetti, in questo caso simulati dai natanti dell’A.M., per conseguire un obiettivo addestrativo ben definito.

Al termine di ogni giornata di esercitazione, un team di valutatori appositamente costituito con personale specializzato dell’Aeronautica Militare analizzerà con procedure scientificamente validate, le performance individuali e collettive in quattro specifiche aree di osservazione, ossia emotività relazionale, gestionale, cognitiva, innovativa oltre alle dimensioni dell’autocontrollo emotivo e della consapevolezza organizzativa. Novità di questa terza edizione sarà l’impiego di un velivolo APR (aeromobile a pilotaggio remoto) reale (classe micro UAV, ovvero del peso inferiore ai 2 Kg), capace di fornire video e fotografie in tempo reale a supporto delle decisioni del team in addestramento, fornito dal 16° Stormo di Martina Franca che interverrà anche con proprio personale.

Lascia un commento