Camorra: arrestato Ruggiero, tra i 100 latitanti più pericolosi d’Italia e Nappi elemento di spicco del clan Polverino

Il fermo avvenuto a Pomezia ad opera dei carabinieri dei Nuclei Investigativi di Napoli e Roma

carabinieri-posto-di-bloccoNapoli, 14 settembre – I carabinieri dei Nuclei Investigativi di Napoli e Roma hanno arrestato due latitanti del clan camorristico dei Polverino, operante nei paesi dell’hinterland a nord di Napoli nonché in diverse regioni d’Italia e all’estero. I due boss sono stati individuati dai carabinieri in una villetta a Pomezia. Si tratta di Giuseppe Ruggiero, 53enne, di Marano di Napoli, inserito nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi d’Italia e personaggio di primissimo piano del clan, e di Carlo Nappi, classe ’58, elemento di spicco del sodalizio.

Entrambi erano ricercati dal 2011 da quando sono sfuggiti all’esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea per associazione di tipo mafioso, estorsione, associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti e per traffico e spaccio di droga. Dettagli sulla cattura saranno forniti nel corso di una conferenza Stampa, alle 11.30, al Comando Provinciale Carabinieri di Napoli.

Lascia un commento