Bagnoli, De Cristofaro (SI): “Commissario inutile. Il Governo deve impegnarsi per la bonifica”

Il senatore di Sinistra Italiana, annunciando la sua partecipazione al sit-in organizzato domani a Roma dall’associazione Bagnoli Libera, chiede a Renzi di rimuovere quanto prima “questo inutile e dannoso regime commissariale”

Bagnoli“Nastasi non serve né a Napoli né a Bagnoli. Come Sinistra Italiana ci siamo opposti nelle aule parlamentari allo “Sblocca-Italia”, quindi al commissariamento di Bagnoli. Pertanto chiederemo a Renzi di rimuovere quanto prima questo inutile e dannoso regime commissariale che, invece di semplificare, rende più opache e farraginose le scelte per la città”. Lo ha affermato il senatore di Sinistra Italiana Peppe De Cristofaro, annunciando la sua presenza al sit-in organizzato a Roma dall’associazione Bagnoli Libera per protestare contro il commissariamento di una vasta area del quartiere.

“Il Governo – ha proseguito – si impegni piuttosto ad avviare, insieme al sindaco de Magistris e alle istituzioni locali, gli interventi di cui Bagnoli ha realmente bisogno, a partire dalla completa bonifica dei suoli, primo necessario passo per ogni programma di sviluppo”.

“Bagnoli – ha spiegato De Cristofaro – è il simbolo del disinteresse della politica nazionale verso Napoli e il Mezzogiorno. E il desolante immobilismo che segna questa area, l’assenza di investimenti e di programmazione, di visione strategica e di politiche partecipate, sono il segno pià evidente dei problemi che impediscono lo sviluppo economico e sociale del Sud e dell’intero Paese.

“Il commissariamento di Renzi – ha aggiunto – ha solo aggravato la situazione ed è necessario un cambio di direzione netto che restituisca finalmente credibilità ai progetti per l’area dell’ex Italsider. Il commissariamento imposto alla città, non è solo un’insopportabile privazione di sovranità per il sindaco e per i cittadini, ma – ha concluso – anche l’ennesimo segnale della scarsa conoscenza e considerazione che il Governo mostra verso le ragioni e le necessità della nostra città”.

Lascia un commento