Sit-in a Roma contro il commissariamento di Bagnoli. Presente anche de Magistris: “A Bagnoli non decide il Governo, ma i cittadini napoletani”

“La democrazia non si commissaria”, ha spiegato il primo cittadino

commissariamento-bagnoliRoma, 23 settembre – “Siamo qui in difesa della città. Questa mobilitazione popolare si fermerà solo quando si fermeranno gli abusi. La democrazia non si commissaria. A Napoli decidono i cittadini napoletani”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, nel suo intervento al sit-in organizzato a Roma dall’associazione Bagnoli Libera per protestare contro il commissariamento di una vasta aria del quartiere.

“C’è un’agorà di cittadini di Napoli qui a Roma. Napoli – ha aggiunto – è una città che si mobilita in modo pacifico e democratico per dire no al commissariamento. Napoli è una città che si sta riprendendo solo grazie ai propri cittadini e noi libereremo la città dalla camorra, dal malaffare e dagli abusi”.

Diversi interventi da parte dei rappresentanti delle associazioni presenti. I manifestanti, in particolare, hanno lamentato la palude amministrativa a cui ha portato il commissariamento. “È passato un anno dall’insediamento a Bagnoli del commissario Nastasi voluto da Renzi. Finora – hanno spiegato – non abbiamo visto nessun risultato se non la sconfitta del Pd alle elezioni. Il sindaco di Napoli e il presidente del Consiglio hanno scelto Bagnoli come terreno del conflitto politico. Intanto nel quartiere non è cambiato niente, le spiagge sono inaccessibili e non balneabili, si continua a morire di tumore e i residenti vivono ancora disagi”.

Durante il sit-in una delegazione formata da rappresentanti dei movimenti, da Bagnoli Libera, dall’assessore all’Urbanistica del Comune di Napoli, Carmine Piscopo, e dal presidente della X Municipalità Diego Civitillo, è stata ricevuta a Palazzo Chigi e ha consegnato nelle mani del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, una richiesta di revoca del commissario Salvatore Nastasi.

FOTO: tratta da repubblica.it

Lascia un commento