Premio Masaniello Napoletani Protagonisti, al teatro Sannazzaro

“Napoli sulle punte”. Gli organizzatori: “siamo riusciti, grazie al lavoro della giuria, ad individuare personaggi di notevole spessore culturale che sia fanno valere nel mondo e che tengono alta la bandiera di Napoli”

teatro-sannazzaroNapoli – Domenica 25 settembre, alle ore 18,00, presso il Teatro Sannazaro, via Chiaia 157, si terrà il Premio Masaniello-Napoletani Protagonisti. Per il Tema Specifico “Napoli sulle punte”, eccellenze del mondo della Danza riceveranno l’ambita statuetta, opera dello scultore Domenico Sepe. Come da format, durante la Cerimonia di Premiazione, uno spettacolo allieterà i presenti.

I vincitori di quest’anno dell’ambito Premio Masaniello sono:
Arnaldo Angelini (maestro di ballo),
Alessio Buccafusca (fotografo internazionale di danza),
Luciano Cannito (regista coreografo),
Umberto De Luca (primo ballerino),
Ambra Vallo (prima ballerina),
Antonio Iavarone (coreografo),
Elisabetta Magliulo (prima ballerina),
Giuseppe Picone (direttore del corpo di ballo del Teatro S. Carlo),
Marilena Riccio (prima ballerina).

Dopo la sospensione nell’edizione decennale, ritorna il tema ciclico che vede premiati i napoletani che si sono distinti nelle più svariate categorie: Romeo Barbaro (musicista) – Beniamino Casale (allergologo) – Cesare Gridelli(oncologo) – Gianni Lamagna (musicista) – Valeria Parrella (scrittrice) –Tullia Passini Gargiulo (antiquaria del 900) Gilda Valenza Maggi (fotoreporter).

Il presidente dell’AIGE, Luigi Rispoli, che insieme al professor Umberto Franzese è ideatore ed organizzatore del premio, ha dichiarato: “Anche con l’edizione di quest’anno siamo riusciti, grazie al lavoro della giuria, ad individuare personaggi di notevole spessore culturale che sia fanno valere nel mondo e che tengono alta la bandiera di Napoli.

Il titolo del tema di quest’anno, “Napoli sulle punte”, ci suggerisce che in questa città c’è chi in punta di piedi lavora e dà lustro alla nostra napoletanità. Il premio Masaniello, ricordiamolo, è il premio di Piazza Mercato ed è giusto che sempre venga ricordato come tale perché quell’area ha bisogno di attenzione e di interventi di recupero e valorizzazione”.

Lascia un commento

nove − 4 =