“Il futuro da formare. Garanzia giovani: come e quando”, ci sarà futuro lavorativo?

Incontro al Provveditorato alle OO.PP venerdì 30 settembre

garanzia-giovani“Il futuro da formare. Garanzia Giovani: come e quando” è il titolo dell’incontro che vedrà personaggi del mondo istituzionale e tirocinanti confrontarsi sull’importante tema. L’appuntamento è per il 30 settembre alle ore 9.30 presso il Parlamentino del Provveditorato alle Opere Pubbliche di Napoli, in via Marchese Campodisola, 21. Dopo la registrazione dei partecipanti, si darà il via all’evento con il benvenuto del Provveditore Vittorio Rapisarda, unitamente ai saluti istituzionale del Rettore Lucio D’Alessandro e dell’Assessore alle Politiche Giovanili Alessandra Clemente. Il dibattito prenderà forma con i relatori Daniele Fano, coautore del libro “Garanzia Giovani. La Sfida”; Severino Nappi, Professore Ordinario di Diritto del Lavoro; Maria Cristina Pisani, Presidente Forum Nazionale Giovani; Alfonso Sperandeo, Funzionario Assessorato al Lavoro del Comune di Napoli. Saranno viva parte del confronto alcuni tirocinanti di Garanzia Giovani.)

Modera il giornalista del Roma Claudio Silvestri; presenta Clarissa Campodonico, Responsabile ufficio stampa e referente Garanzia Giovani al Provveditorato “Quanto è importante la formazione per l’inserimento nel mondo del lavoro?” – “Quanto è importante la comunicazione tra le parti interessate?” – “Ci sarà futuro lavorativo dopo Garanzia Giovani?”: questi i temi al centro del dibattito.

Già da qualche anno il Provveditorato ha avviato un percorso di formazione di giovani laureati in collaborazione con le università di Napoli e si è ora impegnato ad ospitare presso la propria sede 12 tirocinanti nell’ambito del progetto “Garanzia Giovani” con l’obiettivo di formare i giovani e dare loro l’opportunità di avere una visione d’insieme in un apparato così delicato e strategicamente importante quale quello del Provveditorato alle Opere Pubbliche.

L’evento è stato ideato e realizzato dall’ufficio stampa del Provveditorato, in collaborazione con l’Università Suor Orsola Benincasa e ha lo scopo di promuovere una maggiore comunicazione tra i vari protagonisti del Progetto affinché si possano superare le difficoltà incontrate sia dai giovani che dalle varie istituzioni.)

Lascia un commento