Napoli, Filiera Italiana del Regalo: parte il rilancio del comparto che fattura 750 milioni di euro

Si chiama FIR ed è associata a Confimprese Italia, la nuova federazione di categoria del settore bomboniera, regalo, casa. Presidenza ad un partenopeo: Luciano Paulillo

luciano-paulilloNapoli, 10 ottobre – E’ un napoletano, Luciano Paulillo, il presidente della Filiera Italiana del Regalo (FIR), federazione associata a Confimprese Italia. L’elezione è stata ratificata a Napoli in occasione della prima Convention nazionale che si è svolta nel weekend alla Mostra d’Oltremare.

“Con onore ho accettato l’incarico, ma allo stesso tempo con umiltà intendo lavorare per portare l’intera filiera produttiva verso traguardi professionali nuovi. In particolare – ha dichiarato il presidente Paulillo – dobbiamo guardare al futuro per la difesa della cultura e della tradizione artigianale del comparto, ma allo stesso tempo salvaguardare i contratti di lavoro del segmento. Riuniremo al più presto gli stati generali per dare seguito al progetto di lavoro in merito”.

L’appuntamento con centinaia di operatori del settore ha avuto il supporto anche della direzione nazionale di Confimprese Italia con la partecipazione del vice presidente Vincenzo Perrotta: ”La costituzione della Filiera Italiana del Regalo e l’aggregazione a Confimprese Italia rappresentano un’opportunità straordinaria per dar forza alle nostre imprese aggredite dalla crisi. Quest’unione può dar luogo a sinergie importanti come quelle tra moda e regalo, che rappresentano l’una il completamento dell’altra. In tal senso stiamo pensando ad una grande convention nazionale dedicata alle cerimonie”.

All’incontro di presentazione si sono subito affrontati diversi temi della categoria che raggruppa oltre 30mila operatori  – aziende, rappresentati, distributori, importatori e negozianti – presenti sull’intero territorio nazionale. “La bomboniera, l’articolo da regalo  e l’oggettistica per la casa rappresentano l’espressione della produttività nazionale e quindi del made in Italy – ha affermato Giovanni Mirulla, segretario generale della FIR – ecco perché tra le prime azioni che proporremo ai nostri associati sarà quella di un concorso di idee per un design che possa caratterizzare sempre più i nostri prodotti italiani, dobbiamo diventare come per la moda un punto di riferimento nel mondo”.

Sulla stessa linea la dottoressa Paola Borriello, consigliere nazionale Confimprese Italia, con delega al settore moda: “Come per la moda, anche nella filiera del regalo dobbiamo essere in grado di coniugare tradizione e innovazione. La bomboniera, infatti è un oggetto di valore che da valore ad eventi importanti e costituisce una solida tradizione in seno alle famiglie italiane. Dobbiamo essere capaci di innovare questo prodotto non solo nel design, ma anche del processo di produzione e nelle modalità di marketing e comunicazione, sempre nel rispetto del made in Italy. Solo un sistema a rete può garantire alle imprese di realizzare nuovi scenari ed essere competitive sul mercato globale”.

Lascia un commento

venti − quattordici =