Premio Megaris, al Circolo Nautico Posillipo

Cerimonia di premiazione per la XXV edizione per chi si è adoperato per il bene della Città di Napoli nel campo delle arti, musica, imprenditoria, giornalismo, sport, sociale, medicina, cultura e promozione culturale

premio-megarisSabato 5 novembre, alle ore 10, al Circolo Nautico Posillipo, si terrà la XXV edizione del Premio Nazionale Megaris. Il Premio è tra i più longevi della Campania e rappresenta un prestigioso riconoscimento per chi si è adoperato per il bene della Città di Napoli nel campo delle arti, musica, imprenditoria, giornalismo, sport, sociale, medicina, cultura e promozione culturale. Oltre i riconoscimenti nel corso della mattinata saranno premiati i partecipanti al concorso di poesia in lingua italiana e napoletana e narrativa edita e inedita.

“Il Premio Megaris è una festa per celebrare i figli migliori di Napoli – dichiara Carlo postiglione, presidente dell’associazione Megaris e ideatore del Premio – Questa manifestazione si propone la riscoperta e il rilancio di valori, tradizioni, cultura, folclore e arte che hanno reso la città di Napoli uno degli angoli più suggestivi del mondo Oggi siamo alla XXV edizione e con malcelato orgoglio aumenta la speranza di proseguire con gli stessi ideali di trenta anni addietro quando ideammo l’associazione e il premio».

Premi Megaris. Riconoscimento alla Carriera al dottor Giovanni Colangelo, Procuratore della Repubblica di Napoli. Medicina: dottor Pasquale Vezzuto. Arti: Luigi Cola. Musica: Marco Scialò. Imprenditoria: Diego Guida. Giornalismo: Armida Palisi e Davide Cerbone. Sport: Diego Pagano. Sociale: squadra Afro Napoli United. Promozione culturale: Giuseppe Reale. Nel corso della premiazione saranno attribuiti i seguenti premi: IV edizione Premio “Gaetano D’Alessio” a Salvatore Formisano. V edizione Premio “Gery Gargiulo” a Ulderico Carraturo. X edizione Premio “Roberta Capasso” per il sociale a Maria Trapanese. III edizione premio “Giovanni Raio” a Letizia Testa. Riconoscimento Speciale ad Enrico Marsiglia.

Lascia un commento