Napoli-Lazio 1-1, azzurri e biancocelesti si dividono la posta

Rete di Hamsik per il Napoli. Risponde Keita per la Lazio, grazie a una papera di Reina

hamsik-napoli-lazioNAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Diawara, Hamsik (dal 42′ s.t. Allan); Callejon (dal 36′ s.t. El Kaddouri), Mertens, Insigne (dal 22′ s.t. Gabbiadini). All. Sarri.

LAZIO (3-5-2): Marchetti; Basta, Wallace, Radu; Felipe Anderson, Parolo, Biglia, Milinkovic, Lulic (dal 33′ s.t. Patric); Keita (dal 37′ s.t. Djordjevic), Immobile (dal 42′ s.t. Lombardi). All. Inzaghi

MARCATORI: Hamsik (N) al 7′, Keita (L) al 9′ s.t

ARBITRO: Damato di Barletta

Napoli, 5 novembre – Al San Paolo tra Napoli e Lazio finisce 1-1. Azzurri e biancocelesti si dividono l’intera posta di una gara giocata a viso aperto da entrambe le formazioni. La banda Sarri ha fatto la partita e per quanto mostrato avrebbe meritato sicuramente la vittoria, ma un super Marchetti e i tanti errori individuali, soprattutto quello di Reina in occasione del gol di Keita, lo hanno impedito. Il Napoli crea tanto ma segna poco, pochissimo. Segno che manca una punta centrale, un finalizzatore in grado di schiacciare in rete i tanti palloni che gli esterni azzurri crossano in area di rigore. Manca poi un po’ di coraggio nel provare a tirare da lontano, cosa che sarebbe utile per cercare di ovviare alla mancanza della prima punta. Per quanto riguarda la classifica, dopo questo ennesimo passo falso del Napoli, la Juve ha l’occasione di portarsi a più 9 punti rispetto ai 7 attuali, mentre la Roma potrebbe allungare a più 5. Il bel gioco, purtroppo per la banda Sarri, ai fini della classifica non conta.

La sfida entra subito nel vivo con un tiro di Immobile facile per Reina. Il Napoli non resta a guardare e va vicino al gol con Mertens, il cui tiro finisce poco a lato dei pali difesi da Marchetti. La partita è molto divertente, con ritmi alti e continui capovolgimenti di fronte. Al 25′ la banda Sarri è ancora pericolosa con Mertens: la sua punizione viene deviata ed esce di poco alla destra di Marchetti. A fine primo tempo il Napoli è costantemente nella metà campo della Lazio, ma il gol non arriva.

A inizio ripresa la Lazio ha due occasioni nitide per andare in vantaggio, entrambe con Immobile. Il Napoli si salva. Al 50′ Insigne impegna Marchetti con un tiro a giro non potente ma velenoso: l’estremo difensore della Lazio si rifugia in angolo. Al 52′ il Napoli passa finalmente in vantaggio: Hamsik entra in area, passa in mezzo a due avversari e batte Marchetti con un mancino rasoterra. Neanche due minuti dopo e la Lazio trova il pari con Keita, grazie a una papera di Reina.

Il Napoli ha altre occasioni per tornare nuovamente in vantaggio, sia con Hamsik che con Hysaj. Quest’ultimo impegna Marchetti con un tiro dalla lunga distanza. Sarri prova a buttare nella mischia anche Gabbiadini, ma quest’ultimo non riesce a incidere e il gol non arriva. Gli azzurri giocano bene ma non conquistano l’intera posta. I 30mila del San Paolo, che hanno sostenuto la squadra per 90 minuti, al termine della gara fischiano. Il bel gioco non può bastare a una tifoseria che ha fame di vittorie.

Lascia un commento

diciannove − 6 =