Pillole di calcio. Un pò di Cassano Pensiero.

EMOZIONE. “Prima di giocare la prima partita contro la Spagna ero emozionato, non credevo di fare l’Europeo con tutto quello che mi è successo. Ora questo europeo me lo voglio giocare da protagonista. L’unica cosa che mi dispiace è non avere qua Giuseppe Rossi che è un giocatore fondamentale per la Nazionale” (Antonio Cassano).

BALO. “Si parla di Mario e basta. Mi hanno detto di farli da tutor, figuriamoci come siamo messi. Con lui ho un buon rapporto dentro e fuori dal campo: abbiamo giocato poco insieme, possiamo solo migliorare” (Antonio Cassano).

DI NATALE. “Ad Antonio gli dai mezza pala e fa gol, è un cecchino. Ed è anche il mio passatempo in questo ritiro. Ce l’ho nella stanza accanto, in albergo. Qualcuno ne parla come del giocatore che sbaglia le partite importanti, ma sono etichette. E le etichette le date voi giornalisti. Per esempio io e Balotelli abbiamo quella di teste matte” (Antonio Cassano).

PREFERENZE. “Se mi piacerebbe di più giocare insieme a Mario o Totò in attacco? Secondo voi ve lo dico? Certo che no. L’unica cosa importante è che giochi io!” (Antonio Cassano).

OCCASIONE. “Per quanto riguarda il gol sbagliato da Mario con la stecca che ha, poteva tirare fortissimo. Invece lui mi ha detto che voleva passarmela. Io, per esempio, l’avrei passata, perchè a me piace di più fare l’assist che segnare” (Antonio Cassano).

CONDIZIONE. “Io sono stato fermo cinque mesi e sapete tutti perchè. Al momento non è facile avere già novanta minti nelle gambe ad alto livello. Ma mi basta farne settanta al massimo” (Antonio Casssano).

FUTURO. “Per quanto riguarda la mia situazione adesso non lo so. Voglio prima
giocare l’Europeo e poi deciderò se rimanere o andare via dal Milan” (Antonio Cassano).

MERCATO. “Thiago Silva è impossibile da sostituire. L’importante è che poi si sia chiari sugli obiettivi stagionale. Senza di lui non si può lottare per vincere Champions o campionato. Lui è il 50% della squadra. Io, da ignorante, non lo darei mai via. Poi se la squadra vuole ricavare tanti soldi dalle cessioni…Per me perdere Thiago Silva è un delitto, lui è il più forte al mondo nel suo ruolo” (Antonio Cassano).

OBIETTIVI. “L’Italia parte sempre tra le favorite. Dopo la sconfitta contro la Russia ci hanno attaccato tutti, ma noi dobbiamo continuare ad andare per la nostra strada. Abbiamo le qualità per andare lontano” (Antonio Cassano).

Lascia un commento

tre × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.