Scuola: Senatori di Sinistra Italiana presentano interrogazione per i docenti scuola primaria con provvedimento di inserimento in Gae

La questione nello specifico riguarda l’ambito territoriale di milano ma si estende a tutti i casi a livello nazionale: Aggiornamento della graduatoria ad esaurimento a seguito delle decisioni del Tar

Milano – A seguito di numerose lamentele dei docenti precari della scuola primaria, che hanno intrapreso la strada giudiziaria per vedersi riconoscere i propri diritti negati, e che hanno ottenuto dal Tar provvedimenti cautelari volti al’inserimento nelle Gae di Milano, alcuni deputati della Commissione istruzione del Senato hanno presentato una interrogazione sulla vicenda con la quale si chiede se l’AT di Milano non intenda procedere alla pubblicazione della graduatoria ad esaurimento scuola primaria aggiornata, tenendo conto di tutti i provvedimenti cautelari pubblicati e notificati o comunicati dopo il 20 settembre 2016; se non voglia tener conto, ai fini dell’assunzione con decorrenza giuridica 1° settembre 2016 e decorrenza economica 1° settembre 2017, della versione più aggiornata delle graduatorie ad esaurimento e comunque di tutti i provvedimenti cautelari favorevoli, con il riconoscimento ai docenti interessati del diritto ad avere tutte le informazioni e i chiarimenti relativi alle procedure adottate.

Riportiamo l’interrogazione presentata al fine di aggiornare le GaE di Milano con i nominativi dei docenti che hanno ottenuto provvedimento cautelare.

Petraglia, De Petris, Barozzino, Cervellini, De Cristofaro (vai al link)

– Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca – Premesso che:

in data 6 dicembre 2016 dal sito dell’ambito territoriale di Milano si apprende che le assunzioni a tempo indeterminato nella scuola primaria, con decorrenza giuridica 1° settembre 2016 e decorrenza economica 1° settembre 2017, sono 110 su posto comune e 18 su posto di sostegno, anziché 90, e contestualmente viene pubblicato l’elenco graduato per punteggio dei 128 beneficiari;

il dirigente dell’ambito territoriale di Milano con prot. n. 17814 del 18 ottobre 2016 ha disposto di dare attuazione ai provvedimenti cautelari notificati all’amministrazione entro il 20 settembre, ripubblicando le graduatorie ad esaurimento con le relative integrazioni e nei limiti temporali fissati. Dopo quella data non risultano pubblicati, né comunicati alle organizzazioni sindacali provinciali, altri aggiornamenti inserimenti nelle graduatorie ad esaurimento della scuola dell’infanzia e primaria. In base all’informativa sindacale dell’8 novembre numerose rimanevano le ordinanze notificate e non inserite per una quantificazione di almeno 1.300 docenti che avrebbero avuto diritto a valutazione della domanda e successivo inserimento in graduatoria ad esaurimento con riserva;

considerato che:

vi è una verifica in corso da parte di alcuni legali delle ordinanze notificate entro il 20 settembre 2016 da cui si evincerebbe che lo stesso termine non sia stato pienamente rispettato perché risultano inserimenti di ordinanze pubblicate, e quindi notificate, dopo quella data (per esempio i provvedimenti cautelari del TAR Lazio n. 5732 emessa in data 21 settembre 2016, n. 5764 e n. 5770 emesse il 26 settembre 2016);

risulta pertanto incomprensibile, a parere degli interroganti, come i provvedimenti cautelari riferiti alle date di pubblicazione del 21 e del 26 settembre 2016 possono essere ricompresi nel provvedimento dell’ambito territoriale di Milano MIUR AOOUSPMI registro ufficiale (U) 0017814;

ritenuto che, su tutta l’operazione, che sta ancora continuando per via dell’alto numero di ordinanze cautelari che interessano la provincia di Milano, è mancata, a parere degli interroganti, la trasparenza degli atti e delle operazioni, tanto che oggi la vicenda è al centro di articoli di giornali e di denunce alla procura della Repubblica da parte di legali che tutelano le parti lese,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo non voglia appurare i fatti descritti e garantire l’esercizio dei normali diritti;

se non ritenga di redigere l’immediata rettifica della disposizione pubblicata in data 6 dicembre 2016 “Scuola Primaria – Convocazione assunzioni con contratto a tempo indeterminato”;

se non intenda procedere alla pubblicazione della graduatoria ad esaurimento scuola primaria aggiornata, tenendo conto di tutti i provvedimenti cautelari pubblicati e notificati o comunicati dopo il 20 settembre 2016;

se non voglia tener conto, ai fini dell’assunzione con decorrenza giuridica 1° settembre 2016 e decorrenza economica 1° settembre 2017, della versione più aggiornata delle graduatorie ad esaurimento e comunque di tutti i provvedimenti cautelari favorevoli, con il riconoscimento ai docenti interessati del diritto ad avere tutte le informazioni e i chiarimenti relativi alle procedure adottate.

(3-03349)

Vi informeremo sulla risposta data dall’attuale ministro dell’istruzione in relazione alla vicenda dei docenti della scuola primaria che non vengono inseriti nelle gae di Milano.

Lascia un commento