Pillole di calcio. Sarà Italia-Inghilterra.

AVVERSARI. “Contro l’Italia penso sarà durissima, ma noi dobbiamo credere nelle nostre possibilità. Siamo pronti per una sfida di questo livello e, oltre ad avere un giorno di riposo in più, abbiamo evitato la Spagna. Personalmente sono molto felice perchè non segnavo nella fase finale di un grande torneo ormai dal 2004” (Wayne Rooney).

AVVERSARI-2. “Secondo me contro l’Italia sarà sicuramente una sfida affascinante, ma noi dobbiamo sicuramente avere fiducia in noi stessi. Sono convinto che possiamo vincere” (Joe Hart).

AVVERSARI-3. “L’Italia è innanzitutto una squadra ben organizzata. E poi c’è sempre Mario Balotelli, mio compagno nel Manchester City, che può inventare qualcosa in qualsiasi momento. Speriamo solo che questa volta stia tranquillo” (James Milner).

INGHILTERRA. “La squadra inglese stra trovando i giusti equilibri e ha anche una buona dose di fantasia, senza dimenticare che, come sempre, ha un grande carattere. Sarà un’aversaria difficile. Di una cosa però sono certo: in questo Europeo noi saremo competitivi contro chiunque” (Cesare Prandelli).

INSULTI. “Dopo la partita ho parlato con Mario e mi ha detto che i suoi insulti non erano rivolti contro di me. E’ vero che Mario non esulta mai, ma io voglio che il suo sorriso sia spontaneo, del resto l’esultanza viene da dentro. Mario è un ragazzo generoso, un ragazzo d’oro, ma ha tanti ricordi e la grande gioia non riesce ad esternarla. Certo ha i suoi problemi dato che, da sempre, è accompagnato da cori becere, ma non è estraneo allo spirit di squadra o lontano dal gruppo” (Cesare Prandelli).

LEZIONI. “Mario deve iparare ad accettare i momenti particolari, le panchie, le critiche e che la squadra gli chieda qualcosa in più. Deve passarci se vuole diventare un campione. Se si accorge che nessuno gli vuole male, ma che siamo tutti qui per farlo crescere allora avremo in casa un fuoriclasse. E’ giusto che la squadra lo protegga come ha fatto Bonucci dopo il gol ed è giusto gestirlo al livello personale. Io ho avut coraggio a inserirlo contro l’Irlanda, sarebbe stato più facile far entrare un altro, ma entrando dalla panchina, lui ha avuto più stimoli degli altri” (Cesare Prandelli).

CARATTERE. “In generale nessuno di noi deve dimenticare una cosa: che un gruppo senza cuore e carattere non va da nessuna parte. E posso assicurare che tutti i giocatori stanno dando il 100% anche per i compagni, perchè tutti sanno che al momento del bisogno nessuno è mai solo” (Cesare Prandelli).

Lascia un commento

quattro + quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.