Eboli: esplode un petardo, 13enne rischia di perdere mano e occhio

Lo scoppio è avvenuto questa mattina. Nuovo sequestro di fuochi illegali a Boscoreale, in provincia di Napoli

Salerno, 31 dicembre – Un ragazzo 13 anni rischia di perdere la mano e un occhio in seguito allo scoppio di un petardo avvenuto stamattina ad Eboli (Salerno). Il ragazzo era in compagnia di un amico nella centralissima via San Berardino. L’esplosione, violentissima, ha fatto scendere in strada decine di residenti che hanno soccorso il 13enne, e lo hanno trasportato all’ospedale di Eboli.

L’esplosione del petardo ha provocato gravi danni all’occhio sinistro e alla mano sinistra, che è stata maciullata e che il ragazzo rischia di perdere. Nelle prossime ore, il 13 enne potrebbe essere trasferito all’ospedale “Ruggi D’Aragona” di Salerno, nel reparto di Oculistica, e successivamente al “Santobono” di Napoli, a causa della gravità delle ferite riportate.

Intanto si susseguono i sequestri di botti illegali. L’ultimo in ordine di tempo è avvenuto ad opera della Guardia di Finanza del gruppo di Torre Annunziata in una rivendita e nell’ abitazione del titolare, a Boscoreale (Napoli). L’uomo, un 50 enne di Trecase, custodiva in casa 210 razzi e 100 batterie pirotecniche. Ritrovati inoltre fuochi pirotecnici di tipo illegale, miccia a lenta combustione e spolette contenenti polvere nera ritardante.

Nella rivendita di fuochi pirotecnici i finanzieri hanno sequestrato 15 metri di miccia a lenta combustione, 16 spolette di collegamento, 15 fuochi semilavorati e 585 accenditori eletronici. Il 50 enne è stato denunciato per violazione della normativa sui fuochi pirotecnici.

Lascia un commento