Il discorso di fine anno di Mattarella: “Il senso di comunità è la forza principale del Paese”

Il presidente della Repubblica: “Il problema numero uno è il lavoro”

 

“Il senso di comunità è la forza principale dell’Italia rispetto alle tante difficoltà che abbiamo di fronte”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante il suo discorso di fine anno agli italiani. “Il tessuto sociale del nostro Paese – ha aggiunto – è pieno di energie positive. Far crescere la coesione vuol dire renderlo più forte. Essere comunità vuol dire condividere alcuni valori fondamentali”.

Il presidente ha parlato di lavoro e si è rivolto ai giovani. “Il problema numero uno è il lavoro, specie per i giovani. Molti di voi studiano o lavorano in altri Paesi d’Europa. Questa, spesso, è una grande opportunità. Ma deve essere una scelta libera. Se si è costretti a lasciare l’Italia per mancanza di occasioni, si è di fronte a una patologia, cui bisogna porre rimedio. I giovani che decidono di farlo meritano, sempre, rispetto e sostegno”.

Parlando di immigrazione, Mattarella ha affermato: “L’equazione immigrato uguale terrorista è ingiusta e inaccettabile, ma devono essere posti in essere tutti gli sforzi e le misure di sicurezza per impedire che, nel nostro Paese, si radichino presenze minacciose o predicatori di morte”.

Il presidente ha rivendicato il merito di aver risolto in fretta la crisi di governo dopo le dimissioni di Matteo Renzi. Prima di andare al voto, tuttavia, “occorrono regole elettorali chiare e adeguate perché gli elettori possano esprimere, con efficacia, la loro volontà e questa trovi realmente applicazione nel Parlamento che si elegge. Queste regole, oggi, non ci sono”.

Al termine del discorso, Mattarella ha mostrato un disegno ricevuto in dono dai bambini della scuola dell’Infanzia di Acquasanta Terme, tra i comuni colpiti dal terremoto. Il disegno ritrae la loro scuola e porta una citazione: “La solidarietà diventa realtà quando si uniscono le forze per la realizzazione di un sogno comune”.

Lascia un commento