Scuola: i precari di Seconda e Terza fascia uniti nelle rivendicazioni chiedono la presentazione di emendamenti al Decreto Milleproroghe

Valorizzare l’esperienza è il punto che unisce i precari della scuola: Terza Fascia con servizio abilitati subito e in Seconda fascia delle Graduatorie d’Istituto e abilitati in Gae per accedere al ruolo

Roma, 9 gennaio – Approda in Senato, presso la I Commissione permanente Affari Costituzionali Affari costituzionali, affari della Presidenza del Consiglio e dell’Interno, ordinamento generale dello Stato e della Pubblica Amministrazione, l’esame del decreto legge n. 244 approvato il 30 dicembre 2016, cosiddetto Decreto Milleproroghe.

Esattamente alle ore 15 di oggi si è aperta la discussione del suddetto decreto per apportarvi le modifiche necessarie al fine della sua definitiva approvazione. La discussione consente ai senatori di poter presentare proposte emendative ossia di modifica alla legge, anche per quanto concerne la scuola. Ed i precari della scuola non stanno a guardare, e si mobilitano per far passare le loro richieste, con un tam tam suoi social e a mezzo di comunicati stampa.

I docenti precari, abilitati e non, hanno l’occasione di far valere le loro proposte attraverso la proposizione di emendamenti che i deputati potranno presentare. Per tale motivo, il gruppo dei “docenti precari abilitati non inseriti in graduatoria ad esaurimento”, e l’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori hanno elaborato due proposte emendative da far presentare ai senatori della suddetta commissione permanente. Gli emendamenti sono volti all’inserimento nelle graduatorie provinciali ad esaurimento (Gae) di tutti i docenti precari in possesso di abilitazione, sulla base dei titoli posseduti e in relazione al punteggio effettivo maturato (non in fascia aggiuntiva come docenti di serie B) e che, attualmente si trovano inseriti nella seconda fascia delle graduatorie di istituto e all’inserimento nella seconda fascia delle suddette graduatorie di istituto dei docenti precari con servizio, non abilitati al momento, relegati nella terza fascia delle graduatorie di istituto.

Per poter fare ciò, e quindi far sì che i Senatori presentino gli emendamenti i due gruppi chiedono supporto ai loro colleghi e soci, docenti precari abilitati e non, inviando la lettera con gli emendamenti alle email che sono riportate in calce al comunicato.

L’appello che si rivolge a tutti è di copiare il testo della seguente missiva e di spedirla ai recapiti email dei senatori che tratteranno gli emendamenti che li riguardano.

Testo lettera da copiare con emendamenti.


Oggetto: Emendamenti Scuola, precari Seconda e Terza fascia delle GI

Egregio Senatore,

sono membro del Gruppo dei docenti precari abilitati non inseriti in graduatoria ad esaurimento e/o socio dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori.

La presente per invitarla alla presentazione di due emendamenti volti all’inserimento, il primo dei docenti abilitati nelle graduatorie provinciali ad esaurimento, (cosiddette Gae), il secondo per l’inserimento nella seconda fascia delle graduatorie di istituto dei docenti precari non abilitati ma con servizio espletato per almeno 3 annualità e attualmente iscritti nelle terza fascia delle graduatorie di istituto, riconoscendo loro di fatto l’abilitazione.

Certi di un suo intervento al riguardo, e confidando nella sua volontà di aiutare la classe dei docenti precari, cogliamo l’occasione per porgerle i nostri più cordiali saluti. Attendiamo la sua risposta sulla vicenda per poter darne comunicazione a tutti i membri dei gruppi.

Avvocato Anna Fasulo, coordinatrice del gruppo dei docenti precari abilitati non inseriti in graduatoria ad esaurimento

Ingegner Pasquale Vespa, presidente dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori.

Emendamenti di cui si chiede la presentazione:

Dopo il comma 5 art. 4 (Proroga di termini in materia di istruzione, università e ricerca) aggiungere i seguenti commi:

Comma 6: tutti i docenti precari abilitati, compresi diplomati magistrale ante 2001/2002, docenti in possesso di TFA e PAS, docenti precari con laurea in scienze della formazione primaria vecchio e nuovo ordinamento, insegnanti tecnico pratici diplomati ante 2001/2002 e docenti precari abilitati all’estero possono inserirsi, su richiesta, nelle graduatorie provinciali ad esaurimento, di cui all’articolo 1, commi 605, lettera c), e 607, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni,  in relazione ai titoli posseduti e al punteggio maturato a seguito di apposito decreto emanato dal  Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca che fisserà i termini per l’inserimento nelle suddette graduatorie a decorrere dall’aggiornamento previsto per l’anno scolastico 2018/2019.

Comma 7: i docenti non abilitati, iscritti nella terza fascia delle graduatorie di istituto, che abbiano maturato almeno 180 giorni di servizio per 3 annualità, anche non consecutivi, spalmati su 10 anni, possono, su richiesta effettuata entro il termine previsto per l’aggiornamento delle Graduatorie d’Istituto, inserirsi nella seconda fascia delle Graduatorie d’Istituto.


I coordinatori dei docenti precari di seconda e terza fascia chiedonono collaborazione ai colleghi. Copiare la lettera completa di emendamenti ed inoltrare il tutto ai seguenti indirizzi email.

Copia le email dei senatori a cui inviare la lettera:

salvatore.torrisi@senato.it
nicola.morra.63@facebook.com
annamaria.bernini@senato.it
patrizia.bisinella@senato.it
francesco.bruni@senato.it
roberto.calderoli@senato.it
roberto.cociancich@senato.it
stefano.collina@senato.it
vitoclaudio.crimi@senato.it
loredana.depetris@senato.it
giovanni.endrizzi@senato.it
anna.finocchiaro@senato.it
miguelgotorpd@gmail.com
doris.lomoro@senato.it
lucio.malan@senato.it
bruno.mancuso@senato.it
alessandro.maran@senato.it
riccardo.mazzoni@senato.it
mauriziomigliavacca@hotmail.com
paolo.naccarato@senato.it
giorgio.pagliari@senato.it
francesco.palermo@senato.it
gaetano.quagliariello@senato.it
lucio.romano@senato.it
francesco.russo@senato.it

Lascia un commento

4 × cinque =