#VentiRighe – Diego: un mito, ma fino a un certo punto

Si rischia il  linciaggio, la lapidazione, la gogna, il rogo: mettere in discussione il mito di Maradona, a Napoli è sacrilegio almeno quanto manifestare dubbi sul miracolo di San Gennaro

E’ perciò incauto dissentire dalle celebrazioni che Napoli si appresta a ospitare nell’anniversario dello scudetto vinto dagli azzurri con il contributo rilevante del “pibe de oro”. Eppure a chi è al di sopra delle parti deve essere concesso di contestare l’idea di collocare l’evento nel tempio sacro del glorioso San Carlo (vai all’articolo).

Niente da dire, al contrario, se la scelta fosse caduta sullo splendido teatro Augusteo, sul Mediterraneo della Mostra d’Oltremare. E si capisce il sì del sindaco de Magistris. Nome e fama di calciatore di Maradona è sinonimo di consenso, anche in termini elettorali. La conferma è puntuale: al giocatore andrà il riconoscimento della cittadinanza onoraria di Napoli. Senza voler infierire, ma tutto dimenticato? Le frequentazioni ambigue (Forcella), le cattive compagnie, la droga, l’evasione fiscale, il figlio riconosciuto tardivamente e per la sentenza del tribunale?

Lascia un commento