Camorra: 8 arresti per traffico di stupefacenti ed estorsione

Ricostruito anche il tentativo di omicidio di narcotrafficante ribellatosi al pizzo

Napoli, 18 gennaio – I carabinieri del Nucleo investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione nella città oplontina, a Torre del Greco e a Monfalcone (Gorizia) a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Dda nei confronti di 8 persone (considerate legate agli affari del clan Gionta), ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, tentativo di omicidio, associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, estorsione e detenzione e porto illecito di armi, tutti aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose.

I carabinieri hanno ricostruito, tra l’altro, la dinamica del tentativo di omicidio, avvenuto a Torre Annunziata il 10 febbraio 2015, di un narcotrafficante che si era ribellato al pagamento del “regalo di Natale per i carcerati”. Documentato dai militari il giro delle estorsioni agli imprenditori, la gestione delle ‘piazze di spaccio’ con imposizione del versamento di una quota dei profitti nelle casse del clan.

Lascia un commento