Napoli: Vittorio Sgarbi presenta il catalogo della mostra “i Tesori Nascosti”

Durante l’incontro lo storico dell’arte attacca il direttore del museo di Capodimonte, gli fa eco l’ex sovrintendente Nicola  Spinosa: “Questa volta Vittorio Sgarbi ha ragione”

Napoli, 24 gennaio – Presentato, ieri alla Basilica di Santa Maria della Pietrasanta, da Vittorio Sgarbi, il catalogo della mostra “i Tesori Nascosti. Tino da Camaino, Caravaggio, Gemito”. La pubblicazione, postuma rispetto all’apertura dell’esposizione che è avvenuta il 6 dicembre scorso e che terminerà il 28 maggio 2017, a cura di Vittorio Sgarbi e Pietro Di Natale, è stato realizzata dalla casa editrice Maggioli Musei con progetto grafico di Sara Pallavicini. All’interno sono illustrati gli oltre 150 capolavori di circa 60 autori, provenienti da collezioni private ed esposti nella basilica da poco restaurata, che tratteggiano un quadro della geografia artistica italiana di opere realizzate in un arco temporale che va dal XIII al XX secolo. Il catalogo, formato 28×32 cm. che conta 393 pagine, sarà in vendita al costo di 45 euro.

Alla presentazione del catalogo sono intervenuti anche lo storico dell’arte Nicola Spinosa, il rettore della basilica Monsignor Vincenzo De Gregorio e Gianni Filippini produttore esecutivo della mostra.

Durante la conferenza stampa, alla presenza di oltre 650 invitati tra collezionisti, appassionati d’arte e persone che avevano già prenotato il catalogo della mostra, Vittorio Sgarbi ha spiegato i contenuti della stessa pubblicazione e illustrato i contenuti del suo saggio introduttivo durante il quale ha più volte puntato il dito contro il direttore del museo di Capodimonte, reo di aver più volte accusato lo stesso Sgarbi di portare avanti operazioni d’immagine poco culturali e più legate a promozione d’immagine.

“Bellenger è un gran maleducato – ha detto Sgarbi durante l’incontro a Napoli – che non ha alcun rispetto e che non sa di cosa parla. Va cacciato, non può fare il direttore di un museo come Capodimonte non avendo diplomazia ed essendo uno straniero privo di rispetto. Faccia lo spiritoso a casa sua non qui. Liquidarlo sarà d’ora in poi il mio pallino”.

Nicola Spinosa sostiene la tesi di Sgarbi e precisa: “Questa volta Vittorio Sgarbi ha perfettamente ragione, non si può alzare un polverone su una mostra così interessante come quella dei Tesori Nascosti, per giunta senza averla neanche visitata. Non dimentichiamo che le problematiche di Capodimonte non si risolvono con un quadro sgranato come la Suonatrice di Liuto di Vermeer, che altri musei lasciano in cantina, ma con un lavoro costante di promozione e programmazione”.

Lascia un commento

diciotto − quindici =