Musica per Aleppo, due giorni di solidarietà verso il popolo siriano

18 e 19 febbraio appuntamento con la solidarietà a Napoli. Più di 30 concerti e circa 200 musicisti

Sarà l’Oratorio dei Nobili del Liceo Genovesi in Piazza del Gesù a Napoli ad ospitare il 18 e 19 febbraio “Musica per Aleppo” due giorni dedicati alla solidarietà verso il popolo siriano teatro da anni di una guerra che sembra non avere fine, con l’obiettivo concreto di sostenere l’allestimento dell’ambulatorio medico di Tall Toucan vicino Aleppo.

L’iniziativa di solidarietà “Musica per Aleppo” nasce dall’idea di Dario Candela pianista formatosi al conservatorio San Pietro a Majella che attraverso la musica ha girato tutto il mondo: “Sono stato in Siria anni fa, prima della guerra. Un paese straordinario. Quello che mi colpì di più fu la gente e la bellezza dei luoghi: un popolo cordiale, accogliente, aperto e umile la cui cifra umana e la semplicità del vivere stridevano ai miei occhi nel confronto con la nostra società degli egoismi. Laggiù si sta consumando ora una catastrofe”.

È stato Dario Candela a scrivere un post sulla sua bacheca Facebook che suonava come un “facciamo qualcosa, facciamolo subito” ed infatti moltissimi musicisti da tutta Italia hanno risposto e dato la loro disponibilità. Saranno più di 30 i concerti che si susseguiranno e circa 200 i musicisti che parteciperanno alla lunga maratona: cori, ensemble, orchestre e solisti, studenti dalle elementari al Conservatorio e professionisti si alterneranno dalle 16.00 di sabato alle 20.00 di domenica dando la possibilità a quante più persone di intervenire e partecipare con un contributo libero in segno di solidarietà al popolo siriano.

Il progetto dell’allestimento del laboratorio medico a Tall Toucan, vicino Aleppo, obiettivo di “Musica per Aleppo”, sarà portato avanti dal “Comitato NOUR, Ama e cambia il mondo”, che dedica le sue attività in Siria all’infanzia affamata, spaventata, ferita e trascurata.

Lascia un commento