Napoli, palloncini bianchi contro i tumori infantili

L’associazione Carmine Gallo Onlus in piazza per la XV Giornata Mondiale contro il cancro infantile organizzata in Italia da FIAGOP, AIEOP E APLETI

Da Monza a Messina, da Genova a Napoli, oggi 15 febbraio alle ore 11 è avvenuto in contemporanea da piazze, ospedali, scuole, il lancio dei palloncini bianchi, mentre lo scorso 10 febbraio si è svolto a Bari il convegno Oncologia Pediatrica: terapia e Nutrizione – quando l’alleanza passa anche dalla buona tavola organizzato da FIAGOP, AIEOP (Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica) APLETI (Associazione Pugliese contro le Emopatie e i Tumori dell’Infanzia).

La XV Giornata Mondiale contro il cancro infantile (International Childhood Cancer Day – ICCD) cade ogni 15 febbraio ed è stata ideata da Childhood Cancer International – CCI, una rete mondiale di 183 associazioni locali e nazionali, guidate da genitori, provenienti da 93 paesi e 5 continenti, per informare sul cancro nell’infanzia e contemporaneamente offrire sostegno ai bambini, agli adolescenti colpiti da tumore e alle loro famiglie.

Palloncini bianchi contro i tumori infantili. A Napoli, in occasione della XV Giornata mondiale contro il cancro infantile, l’Associazione Carmine Gallo Onlus presieduta da Vincenzo Gallo, associata FIAGOP (Federazione Italiana associazioni genitori oncoematologia pediatrica), ha aderito all’iniziativa liberando insieme ai propri volontari, ai commercianti della zona e alle tante persone intervenute, centinaia di palloncini bianchi in Piazza San Luigi a Posillipo proprio nei pressi del presidio ospedaliero Pausilipon.

“Questa giornata è molto importante perché sancisce l’accordo tra tutte le associazioni dei genitori dei bambini malati di cancro a sostenere le famiglie dei piccoli malati e contemporaneamente migliorare la cure e la qualità dei servizi in questo campo. – spiega Antonella Spina, Direttrice operativa della Carmine Gallo Onlus – La nostra associazione da quasi 30 anni si occupa, presso l’ospedale Pausilipon, delle cure e del benessere emotivo e spirituale dei bambini, dei ragazzi affetti da neoplasie e delle loro famiglie attraverso servizi di accoglienza, ospitalità e supporto psicologico. Grazie anche ai nostri volontari, 24 ore su 24 e sette giorni su sette, siamo costantemente vicini ai piccoli e ai loro genitori perché il nostro motto è: c’è sempre speranza. Nei nostri progetti futuri c’è il sogno di aprire una nuova casa di accoglienza per le mamme ed i papà dei bambini in cura a Napoli. Nel 2015, infatti, abbiamo inaugurato La Casa di Alice (all’interno di un bene sequestrato alla criminalità e dato in concessione al Comune di Napoli) che funziona benissimo ma vogliamo fare di più”.

Lascia un commento