De Magistris: “Quello che vedo in questi giorni nel Pd è come una commedia all’italiana, ma senza la simpatia dei protagonisti”

Il sindaco di Napoli ha commentato i problemi interni al Pd a margine della conferenza stampa di presentazione della mostra su Totò

Napoli, 20 febbraio – Le vicende del Partito Democratico “che vedo in questi giorni mi sembrano più che una tragedia una commedia all’italiana, ma senza la simpatia dei protagonisti che caratterizza la commedia all’italiana”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando a margine della conferenza stampa di presentazione della mostra su Totò, i problemi interni al Pd tra renziani e minoranza dem.

“È un panorama desolante che – aggiunge – ha molto poco di sinistra, anche se qualcuno ha cercato di dire qualcosa di sinistra, ma subito è stato risucchiato in quelle dinamiche che ti fanno dire tutto e il contrario di tutto nell’arco di 24 ore. Non so se ci sarà la scissione, ma – ha sottolineato – mi interessa davvero molto poco”.

Il sindaco ha anche parlato del discorso che ha tenuto ieri al congresso fondativo di Sinistra Italiana (vai all’articolo), affermando: “Non sono un tesserato di Sinistra Italiana, ero lì da ospite. Siamo in coalizione a Napoli e questo mi fa piacere. Devo dire che c’era un clima interessante soprattutto nei confronti della città di Napoli e mi ha riempito d’orgoglio vedere l’accoglienza che c’è stata riservata, non come Luigi de Magistris, ma come esperienza napoletana. Segno che a Napoli si sta coniugando alla sinistra la novità di condotta dei comportamenti e dei contenuti, oltre che l’affidabilità nel governo. Non solo novità nelle parole come fanno alcuni, ma novità nel governo della città”.

“Sono orgoglioso – ha proseguito – di essere alla guida di una squadra e di una città che rappresenta una bella anomalia, al netto ovviamente dei problemi e delle sofferenze, oltre che degli errori che facciamo perché abbiamo anche noi le nostre lacune, che non sempre riusciamo a colmare. Ma in quel panorama desolante che esce fuori dal renzismo – ha concluso – siamo davvero contenti di essere napoletani”.

Lascia un commento