Coppa Italia, il Napoli affronta la Juve allo Stadium. Sarri potrebbe rivoluzionare la formazione

Squadre in campo questa sera allo Juventus Stadium alle ore 20.45 per la semifinale di andata di Coppa Italia. Allegri se la giocherà coi titolari. Sarri starebbe pensando a qualche cambio

Napoli, 28 febbraio – Nel Napoli brucia ancora la sconfitta in casa con l’Atalanta, ma non c’è tempo di rimuginarci sopra perché il campo chiama e la Juventus attende gli azzurri quasi come una vittima sacrificale alla semifinale di andata di Coppa Italia. Sarà così? Il popolo partenopeo spera di no, spera nella voglia di riscatto dei suoi e spera soprattutto che Sarri stupisca in qualche modo. Le parole pronunciate dal presidente Aurelio De Laurentiis erano state frettolosamente bollate dalla maggior parte dei tifosi come incomprensibili e fuori luogo. Perché? Cosa aveva detto mai il presidente di così tanto grave? Aveva criticato la gestione della rosa, legittimo visto che è colui che sborsa i soldi, ma non la pensano così in molti. Forse la recente prestazione al di sotto di ogni aspettativa mostrata da alcuni giocatori della banda Sarri, considerati intoccabili, può aver fatto cambiare idea. Pare che il tecnico si senta sempre più sotto esame, tanto che potrebbe scegliere di rivoluzionare la formazione.

In generale, tenendo conto del fatto che Sarri ha utilizzato quasi sempre 14 giocatori finora dei circa 23 a sua disposizione, è lecito aspettarsi che questa sera venga dato un po’ di spazio a chi ha fatto panchina ma può assolutamente dire la sua. Situazione diversa per la Juve, con Allegri che cambierà solo qualcosa in difesa e grazie al massiccio turnover fatto con l’Empoli, potrà permettersi di schierare i titolari sia a centrocampo che in attacco.

Per quanto riguarda la tattica delle due formazioni dobbiamo aspettarci un atteggiamento attendista. La Juve attaccherà ma senza scoprirsi, visto che prendere gol sarebbe svantaggioso in vista del ritorno al San Paolo. Il Napoli sarà rintanato nella sua area, pronto a spingere sull’acceleratore appena se ne presenterà l’occasione. L’importante è che gli azzurri non giochino con il freno a mano tirato, come è invece accaduto al Bernabeu. De Laurnetiis dopo la sconfitta in Champions ha detto che “ci vuole cazzimma”.  Caro Napoli, ne servirà anche stasera.

La Juventus scenderà in campo con il modulo 4-2-3-1. In porta Neto. Barzagli e Chiellini al centro della difesa con ai lati Lichtsteiner e Asamoah. A centrocampo Pjanic e Khedira, con ai lati Cuadrado e Mandzukic mentre Dybala sarà sulla trequarti. In attacco l’ex di turno, Gonzalo Higuain.

Nel Napoli solito 4-3-3 ma formazione leggermente rivoluzionata. In porta Reina. Albiol e Koulibaly al centro della difesa con Maggio a destra e Ghoulam a sinistra. A centrocampo Rog, Diawara e Zielinski. Attacco formato da Pavoletti punta centrale, Mertens a sinistra e Callejon a destra. Probabile l’impiego di Milik e Giaccherini nella ripresa, a sostituire rispettivamente Pavoletti e Callejon, a seconda di come si metterà la gara.

Probabili formazioni:

JUVENTUS (4-2-3-1): Neto; Lichtsteiner, Barzagli, Chiellini, Asamoah; Pjanic, Khedira; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. All Allegri

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Diawara, Zielinski; Callejon, Pavoletti, Mertens. All Sarri

ARBITRO: Valeri della sezione di Roma

Lascia un commento