Femminicidio: la rivoluzione silenziosa Zapatos Rojos a San Sebastiano al Vesuvio

L’8 marzo in piazza Capasso la tragedia delle donne messicane per dire ‘no’ alla violenza

Sono oltre 160 le paia di scarpe che mercoledì 8 marzo, a partire dalle 9:30, saranno posizionate in piazza Raffaele Capasso per Zapatos Rojos / Scarpette Rosse, il progetto d’arte pubblica di Elina Chauvet che, dalla cittadina messicana di Ciudad Juarez, farà tappa a San Sebastiano al Vesuvio (Napoli).

Il progetto-denuncia, che assume la forma di un’installazione composta da scarpe rosse femminili per puntare il dito contro il femminicidio e la violenza di genere, è promosso dall’amministrazione comunale su iniziativa dell’Assessorato alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione e si realizza in collaborazione con la rete civica formata dai due istituti di istruzione superiore ‘Gaetano Salvemini’ e ‘Salvatore Di Giacomo’, il centro antiviolenza ‘Dafne’, i servizi sociali territoriali, le associazioni e i cittadini.

“E’ solo grazie al loro impegno – precisa il sindaco di San Sebastiano al Vesuvio, Salvatore Sannino – che oggi possiamo ospitare sul nostro territorio una replica del progetto internazionale di Elina Chauvet che ci pone in linea con le capitali europee, consentendoci, inoltre, di fare un ulteriore passo per rendere la nostra una comunità a misura di donne e bambini, sempre più impegnata nel contrasto ad ogni forma di sopruso e violenza”.

Curato in Italia da Francesca Guerisoli, l’installazione è partita nel 2009 da Juárez, città di frontiera nel Nord del Messico, tragicamente nota come ‘la cittadina che divora le sue figlie’, dove è stato utilizzato per la prima volta il termine femminicidio per parlare di omicidio di genere. In questa terra di mezzo al confine con gli Stati Uniti – scrive la Chauvet in una nota – dal 1993 centinaia di donne, per lo più giovanissime, vengono rapite, stuprate, mutilate ed assassinate. Di molte non sono stati restituiti nemmeno i corpi ed è stato possibile identificarle solo attraverso le loro scarpe.

“Le scarpe, raccolte attraverso una straordinaria catena di solidarietà e poi dipinte per lo più dagli studenti delle scuole aderenti, saranno sistemate in uno spazio urbano, di cui ridisegneranno l’estetica, visualizzando una marcia simbolica di donne assenti – afferma l’assessore alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione, Assia Filosa – Zapatos Rojos è una rivolta silenziosa, un veicolo di comunicazione dall’impatto globale poiché invita a cambiare il pensiero sulla violenza sia fisica che psicologica e parla, attraverso l’arte, alla coscienza delle persone. Insomma, una battaglia per le donne e per lavorare alla costruzione di società migliori per le nuove generazioni. Un cambiamento sociale che deve passare per la politica e le istituzioni, oltre che per la scuola”.

Lascia un commento