Teatro San Carlo, la Uilcom denuncia un comportamento antidemocratico all’interno dell’azienda

“Sospensione di tutte le prestazioni accessorie per i Macchinisti”, atto illegittimo. “Nessun rispetto delle rappresentanze sindacali”

In queste ore si è consumato un grave atto all’interno del Teatro San Carlo” comincia così la nota della Uilcom che denuncia un comportamento antidemocratico all’interno del Massimo partenopeo. “La Direzione Aziendale ha contestato i Macchinisti, che nei giorni scorsi avevano dichiarato legittimamente lo stato di agitazione, con la sospensione di tutte le prestazioni accessorie (blocco straordinario). La Uilcom ritiene questo un atto che lede le più elementari regole democratiche all’interno del Teatro”.

Il segretario della UilCom Campania Massimo Taglialatela dichiara: “Tuteleremo, in tutte le sedi i lavoratori contestati e porteremo all’attenzione delle Istituzioni e dell’Opinione pubblica questo increscioso episodio”. “Ci riserviamo nelle prossime ore di sentire i nostri uffici legali per le conseguenti azioni del caso”.

Taglialatela esprime la convinzione che “siamo alle solite con la dirigenza del teatro San Carlo”. La denuncia è ferma: “non vi è nessun rispetto delle rappresentanze sindacali e vi sono squallidi tentativi di scavalcare i titolari della contrattazione”. Ed incalza dichiarando che “il nuovo capo del personale, superata la fase iniziale, ha da subito messo in campo la sua vera missione ossia in continuità con l’impostazione tenuta dalla sovrintendente e totale assenza di dialogo oltre alla scorrettezza istituzionale”.

Lascia un commento