Commissione Periferie della Camera dei Deputati, de Magistris in audizione: “Cambierò l’immagine di Scampia”

Il sindaco di Napoli durante l’audizione ha spiegato il progetto Restart Scampia. Il primo cittadino, inoltre, non ha risparmiato critiche al governatore della Campania Vincenzo De Luca, accusandolo sostanzialmente di voler legiferare su temi che non appartengono alla Regione

Roma, 2 maggio  “Siamo in condizione entro l’estate di cantierizzare e probabilmente abbattere entro l’estate la prima Vela di Scampia”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, durante l’audizione in commissione Periferie alla Camera dei Deputati. “Abbatteremo tre Vele su quattro a Scampia e quella che resterà in piedi diventerà sede di uffici istituzionali: Scampia da periferia diventa centro e centro della Città Metropolitana”, ha aggiunto.

Il progetto Restart Scampia, ha detto de Magistris, “prevede anche una rigenerazione urbana ed è un progetto di grande valenza sociale che porta anche la firma dell’Università di Napoli Federico II e del Comitato Vele. È questo il nostro modo di intendere l’amministrazione pubblica: al centro ci sono i cittadini e questo progetto ha un valore nazionale e oserei dire internazionale per l’immagine delle Vele che c’è oggi nel mondo”.

Durante l’audizione il sindaco non ha risparmiato critiche al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, pur senza mai nominarlo. “Il mio presidente della Regione – ha affermato de Magistris –  legifera su acqua, rifiuti, trasporti, come se la città metropolitana non esistesse”. In sostanza de Magistris accusa De Luca di voler legiferare su temi che non appartengono alla Regione. Inoltre chiede che siano i Comuni e non le Regioni a gestire i fondi europei assegnati alle città. “Le Regioni fanno programmazione – spiega de Magistris –. Noi nei prossimo anni abbiamo 3 miliardi di euro per infrastrutture e opere strategiche. Certe volte siamo costretti ad andare in Regione per farci autorizzare che so, i lampioni da installare in via Marina. La Regione deve fare programmazione, non esercitare potere che non gli appartiene”.

“L’audizione del sindaco de Magistris conferma che Napoli è un laboratorio interessante sul tema delle periferie. Sicuramente la riqualificazione del quartiere delle Vele di Scampia è un modello e ha una portata nazionale, ma è interessante l’attenzione complessiva alla riqualificazione delle periferie che è stata messa al centro dell’azione amministrativa”, ha detto Andrea Causin, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie.

“Dall’audizione – ha spiegato Causin – sono emersi degli spunti interessanti di cui è necessario tenere conto, soprattutto per quanto riguarda la necessità di mettere mano al sistema dei poteri e dei rapporti tra Città Metropolitane e Regioni. Se si vuole investire su una strategia di rigenerazione delle periferie – ha concluso – le Città Metropolitane devono diventare centrali nelle gestioni di alcune competenze, legate ai servizi alle persone, come il trasporto pubblico e devono diventare centro di attrazione dei fondi europei”.

Lascia un commento