#CuorediNapoli a Porta Capuana, l’evento a cura dell’Accademia di Belle Arti di Napoli

Installazioni interattive, musica, relazioni. Ed interi palazzi colorati di rosso

Proseguono senza sosta i lavori per l’organizzazione di #CuorediNapoli: una piattaforma di condivisione e comunicazione capace di produrre un intenso scambio di esperienze e di energie, in grado di modificare profondamente l’animo ed il “sentire” dei soggetti coinvolti. Attori dell’evento sono i cittadini, gli esercizi commerciali, le associazioni, le scuole e tutti coloro che, ormai da settimane, collaborano in maniera attiva alla produzione di un’opera d’arte relazionale che potrà essere vissuta da chiunque, il prossimo 13 maggio. Fulcro centrale dell’evento, Porta Capuana a Napoli.

Da qualche giorno, inoltre, una challenge legata all’evento sta prendendo piede in rete. “Cos’è per te il #cuoredinapoli?”: è ciò che i “genius loci”(da Gino Sorbillo a Marco Infante) sfidandosi a suon di video su Facebook, si stanno domandando l’un l’altro, creando prodotti “ad-hoc” per l’evento. Raccolti sotto il simbolo del cuore pixelato, ponte tra un sentimento etereo e forma materica, anche numerosi testimonial del mondo della musica italiana hanno espresso il loro profondo appoggio al progetto. Ultima, ma non meno importante, una vastissima campagna di comunicazione capillare e face-to-face: chiunque, infatti, potrà sostenere l’iniziativa e sottolineare il suo senso di appartenenza, semplicemente apponendo un tessuto rosso (di qualunque tipo e di qualunque tonalità), non solo nel giorno dell’evento. Un gesto semplice quanto consueto, che fa leva su una delle caratteristiche estetiche di Napoli tra le più famose nel mondo.

Lungo il percorso, che si irradia da uno dei due torrioni dell’antica porta su cui verrà posizionata la scultura luminosa e pulsante “Cuore”, vi saranno musicisti di strada, cori gospel, bande, installazioni interattive (tra panchine e scale sonore, tunnel che si illuminano con l’intensità della voce, sculture luminose) e, naturalmente, grazie al preziosissimo apporto delle associazioni che vivono la zona, numerosissime altre iniziative, disseminate lungo tutto l’arco della giornata.

Il corso di Nuove Tecnologie dell’Arte (NTA) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli ha l’obiettivo di assicurare una formazione nell’ambito della ricerca artistica, proponendo soluzioni innovative e originali nel campo delle nuove tecnologie e della comunicazione. Il Laboratorio Mobile di Sperimentazione è il luogo attorno al quale si articola e si sviluppa la vita accademica dello studente, che partecipa ai progetti, proposti come occasioni di ricerca e di verifica della propria crescita e della propria formazione.

Lascia un commento