Il virtuale che prende vita, the last “Lost in Google” al Neo Voga di Bagnoli.

Mercoledì 4 luglio si è tenuta, presso il locale Neo Voga, affacciato sul luccicante mare di Bagnoli, la serata di chiusura della webseries interattiva targata The Jackal.

“Lost in Google” è il nome della fortunata serie online su YouTube. Genere fantascienza, divertimento assicurato. Realizzata dalla casa di produzione partenopea The Jackal, deve il suo successo alla bravura dei suoi ideatori, un giusto mix tra fantasia, tecnica e simpatia, ma soprattutto ai suoi “inseguitori”. L’elemento innovativo di questa serie è infatti il ruolo predominante che ha il pubblico nella stesura della sceneggiatura delle varie puntate. Sono infatti i fans con i loro commenti divertenti, sagaci e fuori dalle righe a costruire Lost in Google. Sono loro, di volta in volta, con le loro idee a decidere quali saranno le avventure dei tre protagonisti principali: Simone, Proxy e Ciro.

“Hai mai provato a cercare Google su Google?” tutto nasce da questa domanda. È infatti da qui che il protagonista viene catapultato in un mondo parallelo e virtuale. Migliaia le visualizzazioni ogni giorno, migliaia gli iscritti al canale “The Jackal” su YouTube e fans in tutt’Italia, da Nord a Sud. Un vero e proprio fenomeno mediatico.

All’evento del 4 luglio, realtà e virtuale si sono fusi in un equilibrio inscindibile. Il pubblico ha abbandonato il monitor e si è catapultato in carne ed ossa per seguire in anteprima il quinto episodio della serie. I protagonisti, insieme al regista Francesco Ebbasta e al suo braccio destro Giuseppe Tuccillo, allo sceneggiatore  Fausto Rio e al curatore degli effetti speciali Alfredo Felco con l’aiuto di Nicola Verre, hanno preso vita oltre lo schermo. Una serata per festeggiare tutti insieme, ideatori, pubblico e fans.
Alla proiezione del quinto episodio è seguito prima un mini concerto live degli Electrophelia, gruppo autore delle varie colonne sonore, poi una serata danzante con una consolle tutta al femminile.

Guest stars dell’evento, Frank Matano, esilarante YouTubers approdato in tv come “Iena” e famoso per gli scherzi telefonici sul suo canale e i Nirkiop, giovani ragazzi tarantini, creatori di spassosi video sulla scuola e non solo, conosciuti al grande pubblico telematico grazie al video “esami di stato 2010” che ha ricevuto più di un milione di visualizzazioni. Altri celebri YouTubers intervenuti JusticePoetry e Pataepisi.

Una serata all’insegna della gioventù. Quella gioventù creativa, geniale, estrosa, che si inventa ogni volta e si mette in gioco, che ha capito che il mondo va conquistato e non subito, che è umile e innovativa, lontana dagli stereotipi che si vedono in televisione.
Sono questi i giovani di cui l’Italia ha bisogno, che non accettano la società così com’è, ma vogliono cambiarla, riformarla e perché no migliorarla.

Lascia un commento

diciotto − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.