Stelle e Stellati, il primo festival della cucina partenopea

 

Dal 12 al 14 maggio incontri ed eventi per celebrare la tradizione attraverso la modernità

Ischia – Da venerdì 12 a domenica 14 maggio l’hotel La Madonnina di Ischia ospiterà una kermesse di cucina e stelle: il primo Festival della Cucina Partenopea (Stelle e Stellati). Un accostamento letterale e metaforico che prevede la presenza dello chef stellato Nino Di Costanzo, originario dell’isola, e dell’attrice Maria Mazza come madrina. Con loro, l’astrofisico Massimo Capaccioli, Commendatore della Repubblica e, fino all’anno 2005, direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte e Professore Emerito.

Ad inaugurare la tre giorni un evento di formazione che coinvolgerà un gruppo di studenti provenienti dall‘Istituto alberghiero e professionale Telese di Ischia che assisteranno alla lectio magistralis della professoressa Galletti, esperta in educazione alimentare e pedagogia della Dieta Mediterranea,  nella sala conferenze dell’hotel. Ad accompagnarli il Preside Sironi. In serata, dalle 19 si svolgerà in terrazza un light dinner aperto a tutti a base di vini della cantina Nugnes, acqua Vitalis e menù dello chef resident dell’albergo, Luigi Castagna (l’evento è gratuito, basta accreditarsi tramite il questo link).

Il giorno sabato 13 maggio rappresenta il cuore dell’evento. A partire dalle 11.30, lo chef Nino Di Costanzo, due stelle Michelin, patron del ristorante Danì Maison, presenterà due nuovi piatti, realizzati con i prodotti ItalianEat, durante uno show cooking che vedrà ai fornelli anche Maria Mazza, madrina dell’evento. Dalle ore 12 i piatti preparati dallo chef potranno essere degustati dal pubblico presente. Nel pomeriggio si svolgerà una conferenza stampa nel corso della quale interverrà Myrta Mazza, nutrizionista dell’Università di Roma Tor Vergata, che parlerà dell’importanza nutrizionale dei prodotti tipici della Dieta Mediterranea.

In serata ancora stelle: sulla meravigliosa terrazza dell’hotel La Madonnina, una piacevole disquisizione sulla volta celeste a cura del Professor Capaccioli, seguita dalla performance al piano del cantautore ischitano Valerio Sgarra.

Lascia un commento