Oltre 70 i Paesi colpiti dai cyber attacchi e tra questi la più colpita è la Russia, nel mirino anche l’Italia

Europol: “Serve indagine”. Prese di mira aziende, organizzazioni ed università

L’attacco di #Ransomware è a livelli senza precedenti e questo richiede un’indagine internazionale, l’Europol  che sta aiutando i Paesi colpiti  lo scrive su twitter. Numerose sono le organizzazioni e le aziende dei diversi Paesi Europei ad essere stati colpiti da questo attacco informatico. Il “ransomware” è un virus malevolo che prende “in ostaggio” computer e smartphone e, i cybercriminali chiedono agli utenti un riscatto in denaro per poter rientrare in possesso dei propri dati. Nell’ultimo anno ha visto un balzo del 50%. Kaspersky calcola che tra le aziende si è passati da un attacco ogni due minuti a uno ogni 40 secondi, per i singoli utenti la frequenza è salita da un attacco ogni 20 secondi a uno ogni 10 secondi. Per gli esperti di Check Point Software Technologies, l’Italia è diventato il quarto paese UE nel mirino e il 41esimo nel mondo.

Sugli schermi dei computer presi di mira appare un messaggio che chiede un riscatto in bitcoin, la Bbc  News  precisa che ci sono notizie di problemi da Spagna, Italia, Portogallo, Russia e Ucraina. La stessa  fonte, riferisce che in Gran Bretagna si è diffuso un allarme dopo che sono stati infiltrati i sistemi informatici di diversi ospedali. Secondo la premier britannica Theresa May, l’attacco informatico che ha colpito numerosi ospedali in Gran Bretagna fa parte di un grande attacco internazionale.

Secondo Europol  la Gran Bretagna  e la Spagna  hanno chiesto aiuto sui cyber attacchi che oggi hanno preso di mira alcuni ospedali britannici e la rete telefonica in Spagna. In un tweet, Rob  Wainwright, direttore di Europol, ha scritto che il cyberattacco contro il sistema sanitario britannico “segue la tendenza di attacchi “ransomware” ai centri sanitari avvenuti negli Usa”.

Anche il ministero dell’interno russo ha reso noto di essere stato colpito da cyberattacco. Irina Volk, portavoce del ministero dell’interno russo, citata dalle agenzie di stampa russe, ha precisato che questi cyber attacchi hanno colpito circa mille computer, ma che i server del ministero sono rimasti indenni. Gli esperti, ha aggiunto  il ministro,  stanno lavorando per riprendere in mano la situazione e aggiornare le procedura di sicurezza. Intanto secondo le  due compagnie della sicurezza Kaspersky Lab e Avast sono “oltre 70 i Paesi colpiti dai cyber attacchi e tra questi la più colpita è la Russia”.

Per il Nyt, il cyber attacco potrebbe essere stato condotto da uno degli strumenti di hackeraggio rubati lo scorso anno alla National security agency (Nsa) dal sedicente gruppo Shadow Brokers

Un ricercatore di cyber-security ha affermato su Twitter di aver rilevato 36 mila casi di un ransomware chiamato “Wanna Cry” e simili. L’attacco, ha dichiarato, “è enorme”.

La Bbc riferisce che l’attacco si è diffuso anche in altri Paesi come Usa, Cina, Vietnam, Taiwan. In Italia, la stessa fonte riferisce che sono state diffuse immagini che mostrano i computer del laboratorio di un’università bloccati dal programma di ransomware. Non viene specificato il nome dell’Università. Secondo alcune fonti, dei portafogli di bitcoin apparentemente associati con il ransomware stanno intanto già passando all’incasso.

Lascia un commento