Bassolino: “È importante costruire una casa per tutti i senzatetto del centrosinistra”

L’ex sindaco ed ex governatore, Antonio Bassolino, avverte: “Senza il Pd non esiste una prospettiva di Governo”

Napoli, 15 maggio – “Costruire una casa per tutti i senzatetto del centrosinistra”, alleandosi con il Partito Democratico, senza il quale “non esiste una prospettiva di Governo”. Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli ed ex governatore della Campania, indica questo obiettivo con un post su Facebook. “Per il Pd è possibile tornare al 40% delle europee e del referendum, sostiene Renzi. Ma le europee, che furono un grande successo, sono elezioni particolari – scrive Bassolino –. Diverso è poi il 40% al referendum: una grande sconfitta”.

“Ora il Pd sta messo meglio di qualche mese fa – spiega –, ma è un’illusione pensare di tornare a prima del 4 dicembre e a prima delle comunali di un anno fa. È altrettanto chiaro che senza il Pd non esiste una prospettiva di governo. Bisogna stabilire ponti tra forze diverse, lavorare in positivo sul piano programmatico e politico, ed è importante costruire una casa per tutti i senzatetto del centrosinistra”.

Con queste parole l’ex governatore strizza l’occhio all’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che starebbe lavorando proprio allo scopo di riunire il centrosinistra. Sotto quale ombrello? Evidentemente sotto quello del Pd, anche se il partito con Renzi segretario è sempre più centrista. D’altronde l’ex premier non fa mistero di questa sua volontà di provare a costruirsi, in vista delle elezioni del 2018, un’immagine alla Macron, passato in pochi mesi da enfant prodige della politica francese a presidente.

Molto dipenderà dalla legge elettorale, ma per i movimenti sorti alla sinistra del Pd, quella con il partito di Renzi sembra un’alleanza quasi obbligata per sopravvivere, ovvero per non rimanere fuori dal Parlamento. Bassolino e Pisapia ne sono coscienti e sosterranno fedelmente Renzi nel 2018, anche se il primo non perde occasione per lanciare qualche stoccata all’ex premier, incapace a suo dire di “discutere delle sconfitte”. “Perché”, ha detto Bassolino subito dopo le primarie, “voltare pagina è peggio di una sconfitta”. “E poi si è tornato a votare dopo un anno da quelle schifezze napoletane come se non fosse successo nulla – riferendosi ai vari scandali in casa Pd durante le amministrative di Napoli, ndr –. Ora devo mettere una distanza. Poi si vedrà”.

FOTO: tratta da corrieredelmezzogiorno.it

Lascia un commento