Comunali 2017, urne aperte per circa 800mila campani

Si voterà fino alle ore 23 di quest’oggi. È il turno elettorale di esordio per il movimento del sindaco di Napoli de Magistris: demA si presenta in vari Comuni, non solo della Campania. Il Movimento 5 Stelle non è riuscito a presentare liste in tutti i Comuni. Pd e Forza Italia puntano sulle alleanze con le liste civiche

Napoli, 11 giugno – Ottantotto Comuni della Campania al voto sui 1005 chiamati a rinnovare le proprie amministrazioni a livello nazionale. Si sta votando dalle 7 di questa mattina e lo si potrà fare fino alle ore 23 di quest’oggi. Eventuali ballottaggi si svolgeranno domenica 25 giugno. In Campania sono chiamati al voto circa 800mila elettori, distribuiti in 17 Comuni del napoletano, 17 del casertano, 33 del salernitano, 13 Comuni dell’avellinese e 8 del beneventano. Il Comune più popoloso al voto è Pozzuoli, con 80mila abitanti, quello meno popoloso Chianche, in provincia di Avellino, con meno di 500 abitanti (vai all’articolo).

È il giorno dell’esordio del movimento del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Il suo demA, che non è alleato con il Pd, si presenta in vari Comuni. In Campania è presente a Portici, Arzano, Torre Annunziata, Sant’Antimo, Melito e Bacoli. Fuori Regione c’è il simbolo di demA per le elezioni a Taranto e Carrara.

Il Movimento 5 Stelle ha scelto, come sempre, di non allearsi con altre forze politiche. I pentastellati non sono tuttavia riusciti a presentare liste ovunque. Si tratta, come per demA, di un test molto importante per i futuri equilibri nazionali, in vista delle prossime elezioni politiche. Finora sono 37, a livello nazionale, i Comuni amministrati dal Movimento 5 Stelle.

Il Partito Democratico e Forza Italia puntano molto sulle alleanze con le liste civiche. A Portici, il senatore Vincenzo Cuomo, ha accettato l’alleanza con ben 13 liste, tra cui quella del Pd. A Pozzuoli dovrebbe essere sfida tra il sindaco uscente Vincenzo Figliolia e l’ex consigliere regionale di Forza Italia Pasquale Giacobbe. A Melito il centrosinistra non è compatto intorno al nome dell’ex sindaco Venanzio Carpentieri e questo rischia di favorire un altro ex primo cittadino: Antonio Amente.

Forza Italia e alleati puntano molto su Sant’Antimo: è il feudo di Luigi Cesaro, recentemente indagato dalla Dda di Napoli (vai all’articolo). A Somma Vesuviana, visto il ritiro del candidato Pd a causa di presunte minacce, il candidato di Forza Italia Celestino Allocca sembra avviato al successo.

Lascia un commento