Valente (Pd): “de Magistris ciarlatano”. Il sindaco: “Sue offese sono medaglie”

La parlamentare e consigliera comunale del Partito Democratico a Napoli, Valeria Valente, ha postato sulla sua pagina Facebook un video dal titolo “House of lies – Un anno di promesse mancate di Luigi de Magistris”

Napoli, 16 giugno – “Mancate verità, bugie verificate in quest’anno, promesse e impegni non mantenuti da parte di un inaffidabile sindaco ciarlatano che gioca sulla pelle dei napoletani, per aumentare il consenso personale e politico del suo movimento”. Lo ha affermato Valeria Valente, parlamentare e consigliere comunale del Partito Democratico a Napoli. Valente, per sottolineare quelle che chiama le “mancate promesse di Luigi de Magistris”, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un video dal titolo Hous of lies (che ricorda la celebre serie TV House of Cards).

Nel filmato vengono mostrati spezzoni di interviste rilasciate da de Magistris e articoli di giornale che mostrebbero le contraddizioni del primo cittadino. Nelle interviste il sindaco parla di Anm, della fine dei lavori in via Marina, del reddito minimo cittadino. Per quanto riguarda l’Anm, nel video viene mostrato un articolo di giornale nel quale si fa riferimento a 194 licenziamenti dell’azienda di trasporto pubblico (ma la notizia data da alcuni quotidiani giorni fa è stata smentita sia dall’assessore al Lavoro, Enrico Panini, che dal sindaco de Magistris, ndr).

La Valente ha spiegato che il filmato “è stato fatto per ricordare ai napoletani cosa raccontava de Magistris in campagna elettorale e in questi mesi: un’Anm risanata, i conti messi a posto, l’arrivo della fatidica Napoli Riscossione, il mancato reddito di cittadinanza. Un sindaco dovrebbe amministrare e non pensare al suo tornaconto”.

Pronta la risposta di de Magistris, che a margine dell’inaugurazione della nuova faccia della chiesa di Santa Maria di Vertecoeli, ha detto: “Le offese della Valente sono medaglie. Loro (il Pd, ndr) hanno distrutto la città. Non sono capaci neanche di fare opposizione”.

Lascia un commento