Casalnuovo di Napoli, consiglio comunale finisce in rissa: il Pd lascia la maggioranza

L’ultimo consiglio comunale è finito con una rissa; il Sindaco ha formalmente avviato una crisi istituzionale

Casalnuovo di Napoli (Na), 6 luglio – Con una nota sul suo profilo Facebook, il leader del CentroSinistra casalnuovese alle ultime elezioni del 2015, Giovanni Nappi, oggi Presidente del Consiglio Comunale, annuncia di ritirare il suo sostegno all’attuale amministrazione: “Un comune di 50mila abitanti ha bisogno di serenità. Chi lo amministra lo può fare solo se ha un consenso vero, una maggioranza vera. Una maggioranza che verrebbe nuovamente fuori da giochi e giochini non sarebbe capita. Io ci ho provato. Non è stato possibile. Troppe divergenze non mi consentono più di continuare. Per me si deve tornare alle urne subito”.

La dichiarazione di Nappi si accoda a quella dei giorni scorsi del capogruppo del Pd casalnuovese, Romano Carmine detto Enzo, e del consigliere Ciro Razzini, sempre del PD. Tre consiglieri, dunque, in meno per il Sindaco Pelliccia, che – al netto di eventuali e ulteriori cambi di casacca di consiglieri sino ad oggi oppositori alla sua giunta – si ritrova senza maggioranza. Ricordiamo che nella tornata elettorale del 2015 il Sindaco Massimo Pelliccia ottenne solamente 6 seggi. Una situazione di “anatra zoppa” a cui io sindaco ha sino ad ora rimediato proprio con l’accordo con il Presidente Giovanni Nappi, che gli aveva garantito sin dall’inizio quattro consiglieri comunali, utili a far partire questa consiliatura.

Abbiamo raggiunto Nappi per chiedergli a cosa alludesse parlando di mancanza di serenità: “L’ultimo consiglio comunale è finito con una rissa; il capogruppo del PD si è ritrovato nei giorni scorsi in una discussione accesa con un collega consigliere dell’attuale maggioranza; il Sindaco ha formalmente avviato una crisi istituzionale, con me, in occasione dell’ultima convocazione del consiglio comunale; colleghi consiglieri, con i quali avremmo dovuto condividere un percorso, hanno avviato la raccolta firme per sfiduciarmi. Insomma un clima difficile, che ha portato a quest’ultimo nostro passo” conclude il presidente del consiglio comunale Nappi.

Lascia un commento

diciassette + diciotto =