L’artista napoletano Toni Servillo alla Mostra del cinema di Venezia con i films di Bellocchio e Ciprì.

Venezia 30 Agosto 2012. Si è aperta ieri la 69 edizione della Mostra del cinema di Venezia, ed è già un brulicare di notizie e curiosità su twitter e sul web. NapoliTime sarà a Venezia dalla prossima settimana, per documentare con aggiornamenti quotidiani ed interviste esclusive, i lavori della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica 2012. Tre i registi italiani in concorso: Bellocchio, Ciprì e Comencini, tutti con tematiche di rilievo a sfondo socio-esistenziale. Toni Servillo sarà al fianco sia di Marco Bellocchio, sia di Daniele Ciprì, come protagonista dei film Bella Addormentata e E' stato il figlio. L'artista napoletano, ha dalla sua una carriera teatrale ben tornita e pluripremiata, con opere come Guernica, da lui scritto, diretto e interpretato e Sabato, Domenica e Lunedì di Eduardo De

Enit in Svezia promuove il turismo enogastronomico invitando Tour Operator e gionalisti svedesi a scuola di cucina italiana.

Stoccolma, al via il 29 agosto, l'evento promosso dalla sede svedese di ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, dedicato alla promozione dell'arte culinaria italiana. Regione per Regione, i riflettori saranno puntati su piatti e vini, importanti tesori delle nostre tradizioni. L'invito è arrivato ai Tour Operator locali ed ai giornalisti dedicati al settore turistico. Come riportato dall'Ufficio stampa dell'Agenzia, "Si tratterà di un vero e proprio seminario sui percorsi enogastronomici del nostro Paese, alla scoperta delle eccellenze, delle produzioni tipiche, dei marchi riconosciuti e dei territori. Un seminario alla scoperta delle Vie del Vino, dell'Olio, del Formaggio e di tutti quegli itinerari che rendono possibile un nuovo turismo sulle vie del gusto italiano". Ma la vera novità di questo simposio sarà l'impulso creato

Viaggio in Senegal

Qualche sera fa a cena con amici si parlava di viaggi in paesi stranieri. Gli uomini hanno cominciato a far confronti sulle donne di diversi paesi, chiaramente tutti del sud del mondo. Dopo il Brasile, Cuba e il Venezuela, sono arrivati in Senegal. E lì ci siamo fermati per un pò. Una bella carrellata di luoghi magnifici e simil-impossibili da vivere. Sono stata in questo Paese dell'Africa a cavallo tra il 1993 e il 1994 a conclusione di un anno durissimo e per aprirne uno non meno difficile. Viaggiavo come operatore della Comunità Promozione e Sviluppo con la volontaria che andava a MBour almeno due volte l'anno. In quel periodo non c'erano progetti a lungo termine che richiedessero la presenza continuata di volontari

Pillole di calcio. Omar El Kaddouri.

PERCORSO. "Al torneo di Viareggio ho giocato all'Anderlecht e subito dopo sarei dovuto andare all'Udinese salvo un blitz improvviso del Brescia. Nelle rondinelle ho giocato per quattro anni: l'inizio non è stato buono perchè non è stato facile ambientarmi nel campionato italiano" (Omar El Kaddouri). NAZIONE. "Io ringrazio e continuerò a ringraziare il Belgio ma voglio giocare nel Marocco" (ibidem). POSIZIONE. "Personalmente non ho una posizione preferita. Per esempio l'anno scorso ho giocato sia nel ruolo di mezz'ala che in attacco. Per me vanno bene entrambi i ruoli. Andando a giocare il Lega Pro ho capito che mi devo guadagnare il posto con sudore e sacrificio" (ibidem). MISTER. "Io sapevo già che a Napoli nessuno ha il posto fisso garantito. E il mister Mazzarri mi ha detto questo e mi ha