De Magistris in piazza a Bagnoli, sotto la pioggia, annuncia il ritiro della firma messa a Città della Scienza: “Renzi ha tradito Napoli”

A Bagnoli si prepara la mobilitazione del 7 novembre contro lo Sblocca Italia. Al dibattito in piazza prende parte il sindaco De Magistris Napoli, 4 novembre - Bagnoli, ore 17.00 parte la conferenza stampa e il confronto pubblico sul decreto 133 definito ironicamente "sbrocca Italia". Il maltempo imperversa ma la partecipazione è quella attesa. L'incontro è finalizzato alla preparazione della mobilitazione del 7 novembre: "Blocchiamo lo SbloccaItalia: Renzi statt' a cas!" questo lo slogan della manifestazione. Contemporaneamente il decreto viene discusso in Senato. Accesa è la discussione sulla probabile decisione di Renzi di non essere presente a Bagnoli per il 7 novembre, come promesso ad agosto a Città della Scienza. Incontro rimandato a data da destinarsi ma entro il mese di novembre, a quanto pare. Qualcuno la definisce

4 Novembre, festa delle Forze Armate. Napolitano e Renzi all’Altare della Patria con la consueta cornice delle Frecce Tricolori e con lo sfondo di nuove divisioni sociali

Festa dell'Unità nazionale e contrapposizioni sociali, le preoccupazioni per nuovi estremismi del Presidente della Repubblica Il 4 novembre 1918 l’Italia firmò l’armistizio che sanciva la fine della 1° Guerra Mondiale, da allora questa data è diventata il simbolo dell’unità nazionale nonché giornata dedicata a tutte le forze armate che quasi 100 anni fa festeggiarono la fine delle ostilità di quella che poi gli storici, a giusta ragione, chiamarono: “La Grande Guerra”. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in questa occasione solenne ha preso parte alla cerimonia di deposizione di una corona d'alloro all'Altare della Patria e nel suo discorso ha affrontato la questione delle nuove forme di estremismo e del fanatismo che si sta sviluppando in Europa ed in Italia. "Vi è il rischio

Giannini: “Test a Medicina salvi, le prove non saranno ripetute”

28 domande su 30 sono comunque valide ai fini della selezione Roma, 3 novembre - (Adnkronos) - “Le prove per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina del 29 e 31 ottobre non dovranno essere ripetute. Abbiamo trovato una soluzione che ci consente di salvare i test”. Lo annuncia il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini, che oggi ha riunito a Roma la Commissione nazionale incaricata questa estate di validare le domande del quiz. La Commissione ha vagliato i quesiti proposti ai candidati per l’Area Medica (29 ottobre) e quella dei Servizi Clinici (31 ottobre) stabilendo che, sia per l’una che per l’altra Area, 28 domande su 30 sono comunque valide ai fini della selezione. I settori scientifico-disciplinari di

Sulfurea, il vulcano si anima

Visita serale alla Solfatara con cucina geotermica e reading a cura di Fabio Rossi - sabato 22 novembre h 17.00 Il Vulcano si anima. Il sole tramonta e sapienti luci artificiali donano un fascino unico ad un luogo già magico di suo. La nostra guida esperta vi coinvolgerà in un percorso in cui cultura, tradizione e momenti di puro divertimento si mescoleranno in un vortice di sensazioni che ricorderete a lungo. Si parlerà di religione, scienza e mitologia. Proverete l' esperienza unica della Cucina Geotermica: vaschette di alici freschissime del Tirreno cotte al vapore di una fumarola del Vulcano. Non perdete l'occasione di vivere un appassionante percorso guidato alla scoperta di un luogo magico, attraverso momenti di divertimento, partecipazione ed arricchimento culturale. Resterete

I comuni del Monte Somma nella macroarea “C” della regione Campania

COMUNICATO STAMPA Con grande soddisfazione la Pro Loco Somma, nel corso di un incontro tenutosi in Regione Campania, ha appreso che la Giunta Regionale, in relazione al nuovo PSR 2014­2020, ha incluso i territori di tutti i comuni del Monte Somma nella macroarea “C” (aree rurali intermedie) superando così le incongruenze del vecchio PSR 2006­2013. Con la nuova territorializzazione si va quindi definitivamente a sanare una inspiegabile svista che vedeva assimilati i suoli agricoli del Monte Somma a quelli della pianura nolana (oggi aree ad agricoltura intensiva). Ovviamente è comprensibile a tutti che le aree in questione, per giacitura, altimetria e orografia, hanno produzioni e soprattutto vocazioni completamente diverse. Del problema, ai fini della sua risoluzione,  erano stati investiti l’Assessore all’Agricoltura del Comune

Al Premio Letterario NapoliTime “Anche Dio lavora… e noi non gli mettiamo i contributi”, il racconto inchiesta di Antonio Armenante

Il ricavato della vendita del libro sarà devoluto a Casa Rut, associazione impegnata nel recupero delle immigrate prostituite e schiavizzate Una nuova perla si aggiunge alle opere letterarie che concorrono al Premio Letterario NapoliTime, “Anche Dio lavora..e noi non gli mettiamo i contributi”, un libro con il quale l’autore fa dell’impegno sociale il proprio obiettivo primario. Antonio Armentante è l’autore di “Anche Dio lavora... e noi non gli mettiamo i contributi” edito da Areablu Edizioni, con prefazione di don Tonio Dell’Olio, rappresentante nazionale di Libera ed ex Coordinatore di Pax Christi (Movimento Cattolico Internazionale per la Pace) e Suor Rita Giaretta, Direttrice di Casa Rut di Caserta, associazione impegnata nel recupero delle immigrate prostituite e schiavizzate. "Ogni giorno possiamo esistere nascendo nuovi. Abbiamo tutti come

“Canta, suona e cammina”, la grande musica nelle chiese di Napoli. Palcoscenici di arte e musica, gratis

Ciclo di concerti di musica sacra e colta nei luoghi storico-artistico di Napoli E’ partito sabato scorso, 1 novembre, il programma di concerti di musica classica che si terranno nelle Chiese di Napoli che vede la presenza di orchestre e ensemble musicali portare le loro sonorità in luoghi sacri storici. Un’occasione di incontro tra arte e musica, “per ascoltare e conoscere la musica colta, popolare e della tradizione napoletana” ed anche un’occasione per promuovere, valorizzare il patrimonio storico-artistico della nostra città. Un evento organizzato nell’ambito del Progetto formativo “Canta, suona e cammina”, un “Progetto di conoscenza e di valorizzazione della musica colta e popolare e della tradizione napoletana, attraverso i luoghi simbolo”, nato dall’accordo tra Regione Campania e Diocesi di Napoli, attuato dalla

Clan Belforte, 34 arresti per estorsione. Nel mirino della camorra anche appalti Cei

Proseguono le indagini, nel mirino del clan anche appalti finanziati dalla Conferenza Episcopale Italiana Caserta, 3 novembre - La polizia di stato, coordinata dalla procura antimafia di Napoli, ha eseguito 34 custodie cautelari per altrettanti affiliati al clan Belforte di Marcianise, in provincia di Caserta, ed in particolare della frangia egemone in Maddaloni. Le indagini hanno portato alla luce decine di estorsioni a danno di imprenditori, commercianti ed operatori economici nel comprensorio di Maddaloni, Cervino e S. Maria a Vico. Per altro, tra le vittime delle estorsioni, anche chi si era aggiudicato l'appalto per la realizzazione di un complesso parrocchiale. Quest'ultimo, è stato finanziato in gran parte dalla Conferenza Episcopale Italiana, ed aveva valore pari a due milioni di euro. I sospettati sono accusati di partecipazione ad associazione di stampo