Coronavirus, assistenza domiciliare: le parti sociali chiedono alla Regione Campania confronto urgente

Preoccupazioni per i servizi di assistenza domiciliare gestiti dagli enti del Terzo settore Un incontro ad horas, indifferibile, per un confronto sulla gestione dei servizi di assistenza domiciliare gestiti dagli enti del Terzo settore. Questa la richiesta dell’Alleanza delle Cooperative settore sociale (Agci solidarietà, Confcooperative Federsolidarietà e Legacoopsociali), dei sindacati (FP CGIL, CISL FP, UILFP) e della Fish Campania, Federazione italiana per il superamento dell’handicap al Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca. La richiesta di confronto giunge all'indomani dell’ordinanza n 16 del 13 marzo 2020 “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19” che lascia ancora troppe zone d’ombra nella gestione dei servizi di assistenza domiciliare. Il cuore dell’appello è che si dia il via ad

Coronavirus: Università e AOU Federico II nella lotta all’emergenza, al Policlinico allestito anche un reparto Covid

Maria Triassi e le forze in campo. La rianimazione impegnata in prima linea Di seguita il comunicato stampa della professoressa Maria Triassi, Ordinario di Igiene presso l'Università Federico II di Napoli. "Non mi sembra il caso in questo momento di fare sciacallaggio sulle strutture sanitarie e in modo particolare su una struttura come il Policlinico Federico II che, oltre a star pagando un tributo in termini di medici contagiati, in questa emergenza sta dando un forte contributo a tutte le strutture sanitarie e universitarie della regione. Nella mia veste di delegato del Rettore per l'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e presidente della task force di Ateneo e della commissione di emergenza per il coronavirus dell Azienda Ospedaliera Federico II non posso fare